Agenda degli appuntamenti culturali, musicali e cinematografici. Questi gli appuntamenti di giovedì 6 dicembre.

INCONTRI:

LABORATORIO PEREIERA: Via Filippo Re, 2, ore 18.00. per la quarta edizione dell’Aperitesla, questa volta a tema Intelligenza Artificiale e Automazione. Durante l’aperitivo proietteremo a ciclo continuo una selezione di cortometraggi sui temi dell’Intelligenza Artificiale e dell’Automazione.

FOGLIE D’ERBA: via della Grada 4F. Continuano i Giovedrink di Foglie d’erba! Aperitivo “canaposo” prolungato fino alle 23 e drink scontati dalle 18. Long drink a 4 euro e birre artigianali alla canapa a 3 euro.

MUSICA

BINARIO 69: Via De’Carracci 69/7d, ore 18.30. Arriva il nuovissimo appuntamento fisso del Binario69. la JAM di matrice BLACK MUSIC -GROOVE- FUNKY . Ogni settimana la jam sarà gestita da musicisti e crew differenti. Questa sera THE RED MENACE.

LOCOMOTIV CLUB: Via Sebastiano Serlio 25/2, ore 21.00.  As I lay dying in concerto.

BAR MODO INFOSHOP: via mascarella 26/a, ore 20.00. Bemydelay in concerto.

BRAVO CAFFE’: Via Mascarella 1, ore 22.00. Live di Swing out sister.

TEATRO CELEBRAZIONI: Via Saragozza, 234, ore 21.00. Concerto di PETER BENCE, il fenomenale pianista crossover tra classica e pop.

CORTILE CAFE’: Via Nazario Sauro, 24/A, ore 22.00. Continua la rassegna  “Club 27” con una delle voci femminili più imponenti del rock: JANIS JOPLIN. Sul palco THE DADDY DADDY BLUES BAND.

PORCOMONDO:Via S.Felice 13/B, ore 21.30. Live di Enrica La PennaGroove Quartet.

LETTERATURA

LIBRERIA ESOTERICA IBIS: Via Castiglione 11b, ore 18.15. Presentazione del libro di ALESSANDRO BENATI KASPAR HAUSER, IL DELITTO D’EUROPA. Ne parla con l’autore Loris Solmi

TEATRO

TEATRO ARENA DEL SOLE: Via Indipendenza 44, ore 21.00. QUASI NIENTE.  Daria Deflorian e Antonio Tagliarini – Premio Ubu per l’innovazione alla drammaturgia nel 2014 – tornano con Quasi niente, nuova produzione liberamente ispirata a Il deserto rosso di Michelangelo Antonioni.


Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61