Una bella voce, una solida cultura musicale e tanta voglia di cantare gli spartiti più diversi

La cantante / cantautrice di New York City Becca Stevens è una chitarrista e vocalist classica, con una tendenza a scrivere i propri brani distintivi di jazz, folk e pop-infused. Nata a Winston-Salem, Carolina del Nord, Stevens è stata introdotta per la prima volta in musica attraverso il suo compositore / multi-strumentalista padre e cantante lirico, con cui si è esibita in una banda di famiglia. Durante l’adolescenza Stevens studiava chitarra classica e interpretava standard jazz e musica popolare appalachiana nei locali locali. Dopo aver frequentato la scuola superiore, ha inoltre affinato le sue competenze mentre studiava la chitarra classica presso la North Carolina School of Arts, e successivamente ha guadagnato il suo B.F.A. nel jazz vocale e nella composizione della New School for Jazz e Contemporary Music di New York City. Non essendo solo un artista solista, le abilità di jazz e folk di Stevens hanno trovato la sua pienezza con un gruppo di artisti di nome, tra cui il batterista Eric Harland, il pianista Brad Mehldau, il cantante José James, il chitarrista Lionel Loueke e altri. Nel 2008 ha pubblicato il suo album di debutto solo, Tea Bye Sea, che ha mostrato il suo approccio non convenzionale, stilisticamente avventuroso alla canzoni pop.

—————————————————————————————————————————————

Ascolta nell’audio sottostante l’intervista a Federico Mutti, presidente del BJF, sulla sequenza concertistica del festival

—————————————————————————————————————————————–

The Sound Route

“Sound routes. Notes to get closer” è un’iniziativa dedicata all’integrazione sociale e professionale dei musicisti migranti e rifugiati.
Il progetto, finanziato attraverso ilProgramma Europa Creativadella Commissione Europea, vede la partecipazione di un partenariato costituito da cinque istituzioni, tra cui il Bologna Jazz Festival,
provenienti da Italia, Spagna, Belgio e Germania.
The Sound Routes vuole sostenere le potenzialità creative e le abilità artistiche di migranti e rifugiati, attraverso azioni di integrazione con i musicisti e il pubblico europeo. Il progetto è coordinato dall’agenzia 
Ciità coinvolte: Siviglia,Roma, Berlino, Gand, Bologna

BINARIO 69,  Via de’ Carracci, 69/7d,  ORE 22.00

                          Kimia Ghorbani & Tarifa

Kimia Ghorbani voce, daf
Riccardo Morandini chitarra
David Sarnelli fisarmonica
Federico Caruso clarinetto


————————————————————————————————————————————-

                                         Vola al cinema !

Ascensore per il patibolo (Ascenseur pour l’échafaud) è un film de1958 diretto da Louis Malle: il mitico esordio del cineasta francese vede Miles Davis improvvisare sulle immagini di Jeanne Moreau che cammina lungo le Champs Elysées

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61