Il Giudice del Lavoro del Tribunale di Modena, con il dispositivo del 27 febbraio 2012, ha rigettato l’opposizione delle 7 aziende modenesi (CNH, Maserati, Ferrari, Emmegi, Glem Gas, Titan e Rossi Motoriduttori) condannate in primo grado dal Giudice del Lavoro di Modena nell’aprile 2011 per attività anti-sindacale verso la Fiom/Cgil.

Il giudice sostanzialmente dice che ai lavoratori che contestavano l’azienda che aveva imposto di seguire un contratto di lavoro separato prima della scadenza naturale di quello nazionale. Un problema di tempi e modalità, certo, ma anche di sostanza: dopo il successo del modello “contratto separato” tanto caro alla Fiat di Sergio Marchionne, anche altre imprese cercano un vantaggio. Questa vicenda si riallaccia, tra l’altro, allo sciopero generale nazionale di 8 ore di venerdì 9 marzo, con manifestazione a Roma. Di tutto questo abbiamo parlato con Giordano Fiorani, segretario Fiom/Cgil Modena.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”