Un appello per dare spazio al dialogo e non allo sgombero. L’hanno lanciato i “Docenti Preoccupati” che invitano Rettore e Sindaco a trovare una soluzione per Bartleby. “È un’esperienza di creatività culturalmente interessante”.

Bartleby: A favore del collettivo si schierano i docenti

Ai “Docenti Preoccupati” dell’Università di Bologna non è piaciuto quanto accaduto durante la cerimonia di accoglienza delle matricole, mercoledì scorso. I ragazzi di Bartleby, che chiedevano di entrare nell’Aula Magna di Santa Lucia per parlare della loro situazione, hanno dovuto fronteggiare i buttafuori e la polizia inviata dall’Università.
Per questo alcuni professori dello stesso Ateneo si sono sentiti in dovere di intervenire nel dibattito che vede contrapposti il gruppo studentesco da un lato e Università e Comune dall’altro.
“In nessun caso – scrivono i docenti – si dovrebbe anche solo concepire l’idea di negare il diritto di parola a chi pacificamente chiede di poter esprimere il proprio punto di vista in presenza di altri studenti”.

I professori chiedono inoltre ai rappresentanti istituzionali, al Rettore Ivano Dionigi e al Sindaco Virginio Merola in primis, di riaprire un dialogo e smetterla di fronteggiare con minacce di sgombero il collettivo. “Uno sgombero non è mai una cosa positiva – osserva ai nostri microfoni Maurizio Matteuzzi, docente di Scienze della Formazione – specialmente se riguarda una realtà creativa e culturalmente interessante come Bartleby”.
Apprezzata, in particolare, la costituzione del Fondo Roversi, con materiali che lo stesso poeta, recentemente scomparso, ha donato allo spazio studentesco.

I Docenti Preoccupati riconoscono che i ragazzi non possono restare nella struttura di San Petronio Vecchio, ma ricordano anche che gli studenti stessi si sono resi disponibili a spostarsi qualora fosse stata trovata una soluzione alternativa. Soluzione che nè l’Ateneo nè il Comune sembrano voler trovare “nonostante il loro patrimonio immobiliare sia piuttosto consistente”.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoRevisionismo e negazionismo, quale Giornata della Memoria?