Esce per l’ottima etichetta Bella Union, la seconda prova discografica del vulcanico Jonathan Wilson, l’album s’intitola Fanfare.

Jonathan wilson ha esordito decisamente tardi, a 37 anni, con il suo precedente lavoro del 2011 Gentle Spirit.La svolta della sua vita arriva proprio quando, rincorrendo il suo sogno di diventare un grande artista, decide di trasferirsi da Forest City a Los Angeles.

Wilson è una personalità multiforme; chitarrista, pianista, multistrumentista,cantante,autore, arrangiatore, produttore, tecnico del suono, fonico. Il nuovo album, Fanfare, è decisamente più concentrato sul songwriting e su una maggiore coralità strumentale.

Tanti i musicisti coinvolti nel progetto, Graham Nash, David Crosby, Jackson Brown,Josh Tilman Aka Father John Misty, poi ritroviamo Pat Sansone dei Wilco, la sua vecchia conoscenza Taylor Goldsmith dei Dawes e due Heartbeakers di Tom Petty, Mike Campbell e Benmont Tench, a cui si è aggiunto un contributo di scrittura di Roy Harper, icona del folk inglese degli anni 60.

Fanfare è sicuramente una tra le produzioni  folk-rock più interessanti di questo 2013, un album complesso che ha bisogno di diversi ascolti per poterne cogliere le sue infinite intuizioni di scrittura. L’album si apre proprio con la title-track, una introduzione che ci rimanda a reminiscenze Floydiane, con una sezione archi che disegna un orchestrazione d’altri tempi.

Dear Friend è una delle perle del progetto, con la splendida chitarra solistica che sviluppa un interplay di stampo quasi jazzistico. Her Hair Is Crowing Long è una ballata  folk di rara bellezza, con la chitarra acustica e la voce del nostro che ci riporta ai fasti del movimento musicale di Laurel Canyon, che in Wilson ritrova un nuovo animatore.

Altro giro, altra corsa, Love to love è l’ennesimo cameo di Fanfare, ben scritta e suonata in modo splendido, senza lungaggini e orpelli inutili,con un riff decisamente accattivante e radiofonico.

Dicevamo del contributo in una composizione di Roy Harper nel brano   New Mexico; quasi a restituire la collaborazione di Wilson nell’album Man & Myth di recente uscita .

Fanfare è una produzione che si eleva di una spanna rispetto alla miriade di lavori in circolazione, un album dal songwriting fluido, curato nei minimi dettagli, ben arrangiato, e da un iperperfezionista come wilson non potevamo che aspettarci un piccolo capolavoro.

Salvatore Titolo

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61