Sulla scia del successo di atleti come Alex Zanardi, Bebe Vio, Martina Caironi e altri, lo sport per disabili è diventato oggetto di un’esposizione mediatica senza precedenti. Quanto questo si traduca in maggiori opportunità per le attività sportive di base, è tutto da vedere ed è la vera sfida che vivono tutti coloro che si prodigano per la loro diffusione presso le persone con disabilità.

“Press play on sport. Esperienze di accessibilità sportiva per persone con disabilità” (Edizioni La Meridiana, 2021) è un libro che si pone l’obiettivo, citiamo dal testo, “di offrire riflessioni per allargare l’accessibilità al mondo dello sport, verso uno “sport per tutti” che sia equilibrio delle sue quattro dimensioni fondamentali: attività fisica, aspetto sociale, elemento di sfida e, non ultimo, divertimento”.

Abbiamo intervistato l’autore, Massimiliano Rubbi, giornalista. Ha collaborato a lungo con la rivista HP-Accaparlante, scrivendo di disabilità e lavoro, welfare, cultura e politiche europee.

Abbiamo poi raccolto la testimonianza di Luca Magnocavallo, formatore, che insieme all’educatore sportivo Giacomo Minuto, da qualche anno, porta avanti un’attività di calcetto rivolta ai disabili, “I campioni del pallone”. L’attività è attualmente ospitata presso la palestra popolare “Gino Milli” al Circolo Arci Guernelli.

Articolo precedenteCrisi ucraina, l’Europa contesa tra la fedeltà alla Nato e il gas russo
Articolo successivoIl crimine nell’epoca del capitalismo, una lettura alternativa della criminalità