Al via il bando del MAMbo con il Nuovo Forno del Pane Metropolitano Outdoor Edition. Dal 5 dicembre è disponibile un avviso pubblico finalizzato alla selezione di sei artiste, artisti o collettivi che potranno lavorare in strutture messe a disposizione nei Comuni dei sei Distretti culturali.

Fino al 9 gennaio la possibilità di partecipare ad una residenza artistica al Nuovo Forno del Pane

L’esperienza del Nuovo Forno del Pane che nasce durante il periodo emergenziale al MAMbo, cresce e si allarga ai sei Distretti culturali della Città metropolitana di Bologna: «a partire da quest’idea di creazione di comunità siamo stati inviata a fare una riflessione con la città metropolitana» precisa il direttore artistico del MAMbo Lorenzo Balbi. La possibilità di vivere, lavorare, produrre opere, interagire con il territorio, dar vita a progetti artistici individuali e condivisi viene data ad artiste e artisti di età compresa tra i 18 e i 35 anni, domiciliati in Italia, senza vincoli di cittadinanza o residenza, con una recente e documentata attività nell’ambito delle arti visive contemporanee, i quali sono invitati a partecipare alla selezione per il Nuovo Forno del Pane Metropolitano Outdoor Edition.

Alle artiste e agli artisti selezionati sarà offerto uno spazio di lavoro in cui operare, tra il 13 febbraio e il 30 giugno 2023, all’interno di una delle strutture dei Comuni dell’Area metropolitana di Bologna. Durante il periodo di residenza, le artiste e gli artisti saranno coinvolti in approfondimenti dedicati alle loro ricerche individuali che saranno divulgati e promossi tramite i canali di comunicazione dei soggetti coinvolti nel Nuovo Forno del Pane Metropolitano Outdoor Edition. In questo progetto, il Mambo si figura come «agente connettore di molte realtà che si occupano di accoglienza di artisti», spiega Lorenzo Balbi. Una particolarità del Nuovo Forno del Pane, aggiunge il direttore artistico, è che è una mostra in continua co-costruzione, «gli artisti sono liberi di lavorare, produrre, scegliere e farsi plasmare dal contesto che andranno a vivere e dalle relazioni con gli altri artisti. […] Non è prevista una specifica esposizione: sarà una partita da giocare insieme»

Tutte le informazioni per partecipare al bando sono disponibili online nell’Albo Pretorio online del Comune di Bologna, su Iperbole alla sezione Concorsi, avvisi, graduatorie e bandi di gara e sul sito del MAMbo.

ASCOLTA L’INTERVISTA A LORENZO BALBI:

Articolo precedenteLe ragioni dell’attivismo per il clima che prende di mira le opere d’arte
Articolo successivo100 anni dalla nascita di Mario Lodi, tre giorni per celebrarne la pedagogia