Riparte la stagione culturale dell’associazione Senzaspine con una tre giorni di musica e arte contemporanea all’insegna dell’accessibilità. Da venerdì 17 a domenica 19 settembre “MozArt Fest – Il Genio si fa Strada” al Giardino Parker-Lennon. Annuncia inoltre la prime date della stagione autunnale dell’orchestra con il “Don Giovanni” di Mozart in scena al Teatro Duse di Bologna il 5, 6 e 7 Novembre.

Gli eventi dell’Associazione Senzaspine

L’associazione Senzaspine propone il “MozArt Fest – Il Genio si fa strada” – rassegna all’interno di Bologna Estate 2021 -con una festa di tre giorni dedicata a Mozart il 17, 18 e 19 settembre al Giardino Parker Lennon dove si alterneranno spettacoli di danza, circo, teatro, hip hop, dialoghi attorno al tema dell’accessibilità, commistioni di generi e linguaggi ibridi, accessibili anche alle persone con disabilità sensoriale, affinché l’arte sia accessibile a tuttə. L’evento si pone l’obiettivo di ricreare uno spazio di fruizione artistica il più accessibile possibile, dove ognunə possa essere liberə di esprimere la propria creatività. Oltre agli spettacoli e ai laboratori si terrà il WolfGang Beat Contest, una call artistica per beatmaker in cui si invitano lə partecipantə alla creazione di beat musicali campionando estratti dalle composizioni di Mozart.

Il programma incentrato sulla figura di Mozart dialogherà con le arti contemporanee come il circo, oltre al teatro di figura e all’arte di strada. « Quello che caratterizza fortemente questi tre giorni è la parola accessibilità – dice il direttore artistico del Mercato Sonato e presidente dell’associazione Senzaspine Tommaso Ussardi – Da quest’anno Senzaspine vuole partire con un piede molto più deciso e sensibile ad affrontare i temi dell’accessibilità in maniera ampia». Percorsi sensoriali, poesia performativa e linguaggio dei segni saranno solo alcuni dei contenuti che il festival propone al pubblico per sensibilizzare sulla tematica dell’accessibilità e una cultura accessibile a tuttə.

Con questa tre giorni inizia un percorso che vedrà nei mesi di settembre e ottobre la realizzazione di un progetto ad ampio respiro che coinvolgerà Mercato Sonato, Antoniano Onlus, Istituto dei ciechi Francesco Cavazza, Fondazione Cavazza, Fondazione Gualandi, Accademia delle Belle Arti di Bologna e Teatro Duse. Nei prossimi due mesi si realizzeranno guide all’ascolto, lezioni concerto, laboratori per la realizzazione dei costumi e delle scenografie dell’opera che potranno essere fruiti anche persone non udenti e non vedenti. La tappa conclusiva di questo percorso sarà la realizzazione e la messa in scena dell’opera “Don Giovanni” di Mozart il 5, 6 e 7 novembre al Teatro Duse, che apre la stagione autunnale dell’Orchestra Senzaspine.

ASCOLTA L’INTERVISTA A TOMMASO USSARDI:

Articolo precedenteReferendum cannabis legale, la sfida di 500mila firme digitali in 3 settimane
Articolo successivoTeatro, l’Arena del Sole riparte all’insegna della quotidianità urbana