Era un tentativo, una scommessa. E grazie a voi l’abbiamo vinta. Si è infatti conclusa la campagna abbonamenti di Radio Città Fujiko, la prima che abbiamo lanciato. E, dopo oltre un mese e mezzo di iniziative e battage, con cui speriamo di non essere risultati noiosi, rimane solo un’ulteriore parola da dire: grazie!
Il vostro sostegno e il vostro calore non sono mancati e, oltre ad un’iniezione di risorse economiche che per una piccola realtà sono preziose, è l’affetto che ci avete dimostrato a stimolarci e farci rimboccare le maniche per offrirvi un servizio sempre migliore.

Grazie da Radio Città Fujiko a chi ha partecipato alla campagna abbonamenti

La prima campagna abbonamenti di Radio Città Fujiko è stata una campagna lunga, durata 53 giorni. Durante queste settimane sono stati sei gli eventi in città che abbiamo organizzato e ciò che più ci ha reso felici è che durante questo periodo alcune realtà ci hanno contattato per offrirci i loro spazi per un banchetto o per organizzare iniziative insieme a loro.
Ed è proprio questo il senso che ha avuto questa iniziativa e che rappresenta la vera diversità di Città Fujiko: la comunità. Oltre ad essere comunitaria nel suo palinsesto, animata da tante differenti realtà, infatti, Radio Città Fujiko vuole essere comunitaria anche nel rapporto con il proprio pubblico, nelle relazioni che costruisce.

Lo spirito comunitario si è manifestato anche in altre forme durante la campagna abbonamenti, a partire dalla progettazione, dalla grafica che ci è stata donata, dai videomessaggi di redattrici e redattori per promuovere la campagna stessa. Un impegno collettivo e dunque un risultato collettivo, nonostante le poverissime ricompense che avevamo da offrire in aggiunta all’informazione, alla cultura e alla musica che propaghiamo in etere, in streaming, sul sito e sui social della radio.

Ora, come promesso, invitiamo quante e quanti hanno partecipato alla visita/aperitivo che si terrà domenica 22 gennaio, alle 17.30, direttamente negli studi di Radio Città Fujiko, in via Zanardi 369. Sarà l’occasione per berci un bicchiere insieme e mostrare la redazione, gli studi di registrazione e i luoghi in cui produciamo i contenuti della nostra emittente del cuore.

Articolo precedenteUna giornata di discussione sull’impatto della guerra in Ucraina sulle nostre lotte
Articolo successivoGrandi voci della pedagogia: Elena Gianini Belotti nei fumetti di Silvia Rocchi