Amazon è il colosso americano del commercio online che continua a spopolare in tutto il mondo. Fondato nel 1994 da Jeff Bezos – oggi l’uomo più ricco al mondo con un patrimonio netto stimato di $ 189,6 miliardi – è frutto di una innovativa visione d’insieme che ha saputo intuire i continui cambiamenti del mercato. Attualmente la società investe costantemente nelle tecnologie, nella diversificazione e nello sviluppo di idee innovative, una visione che nel tempo le ha permesso di captare le tendenze emergenti e superare le crisi che hanno interessato i mercati finanziari.

Complice un trend prevalentemente rialzista, oggi Amazon è uno o dei titoli azionari più interessanti tra quelli quotati sulle borse americane; tuttavia, come sempre accade nel mondo degli investimenti, prima di acquistare azioni Amazon è importante porre l’attenzione su alcuni importanti requisiti. Tradingcenter.it, noto portale di informazione finanziaria, consiglia di porre il focus sulle metriche di valutazione tradizionali, che aiutano a orientarsi negli investimenti, anche in presenza di titoli forti.

Investire su Amazon: l’importanza di informarsi

In particolare, gli analisti di Tradigcenter.it sono concordi nell’affermare che investire su amazon è un’attività che richiede l’approfondimento di alcuni aspetti aziendali. Bisogna avere un’idea del modello di business della società, del piano degli investimenti nel breve e nel lungo periodo, dei profitti e delle perdite segnalate nei bilanci pubblicati periodicamente e della visione dei suoi amministratori. Conoscere i protagonisti che hanno un ruolo chiave nei processi decisionali è un fattore imprescindibile per chi vuole investire in una società; a tutto ciò, tuttavia, bisogna affiancare anche un accurato studio dei competitor, nonché delle probabili evoluzioni del settore.

In questo senso, possiamo affermare con certezza che Amazon si conferma come una delle aziende più interessanti tra quelle quotate sul Nasdaq. Oggi è attiva nella vendita di prodotti di tutti i tipi, con interessanti evoluzioni periodiche, e può contare su una leadership forte, che comunica efficacemente con i suoi investitori. Tuttavia, investire sul gigante del commercio online significa soprattutto tenere conto delle oscillazioni che annualmente segnano questo particolare comparto. Parliamo ad esempio del black friday, l’imperdibile appuntamento degli affari online, e di tutti gli altri avvenimenti che determinano importanti movimenti sul mercato.

Investimenti o Trading online?

In virtù delle numerose oscillazioni dei prezzi, la posizione degli esperti di Tradingcenter.it è unanime nel consigliare investimenti soprattutto nel breve periodo. Nello specifico, anche se oggi è possibile acquistare le azioni di Amazon e restare in attesa di eventuali rendimenti futuri, la migliore strategia è quella di puntare sulle oscillazioni quotidiane tramite il trading online. In questo caso, infatti, le attività di compravendita finanziaria avvengono mediante CFD, contratti che replicano l’andamento di Amazon sul mercato, ma permettono di operare con costi più contenuti.

Nel campo del trading online, naturalmente, gli analisti di Tradigncenter.it consigliano di affidarsi esclusivamente a intermediari certificati da un’autorità di vigilanza. Tra i broker che meglio rispondono a queste richieste, gli esperti indicano eToro, che oltre a garantire una delle esperienze di trading sulle azioni più complete, assicura uno spread tra i più bassi sul mercato. Ma i motivi per i quali questo intermediario è tra i più gettonati per il trading online sono numerosi: basti pensare alle tante possibilità di formazione – e-book, webinar, guide e materiale informativo – riservate gratuitamente a tutti gli iscritti.

Speculare sulle azioni di Amazon tramite un broker CFD regolamentato significa inoltre avere accesso a una piattaforma gratuita, che consente di investire sia a rialzo, mediante operazioni di tipo long, sia al ribasso, tramite operazioni di tipo short. Si può partire con un capitale ampiamente accessibile e avvalersi delle diverse opzioni offerte dalla piattaforma, come indicatori o spazi social per condividere le proprie idee con altri investitori. Resta comunque fondamentale lavorare su una propria strategia operativa, eventualmente adoperando le diverse opzioni offerte dal conto demo gratuito.

Articolo precedenteThe Show must go on: concerti alla radio
Articolo successivoIl sessismo e la cultura dello stupro secondo Graziella Priulla