Kinodromo, l’associazione culturale bolognese, è stata selezionata dalla piattaforma CheFare?  che premia con 100.000 euro il progetto migliore in Italia.

Kinodromo è il progetto permanente dei Cineasti Arcobaleno, volto a promuovere il cinema indipendente attraverso spazi condivisi.
E’ diventato un’associazione culturale nel 2012 e collabora con Seac Film s.r.l., società privata che gestisce il Circuito Cinema di Bologna.
I risultati ottenuti hanno portato all’elaborazione di un modello che unisce l’operato dell’associazione culturale alla gestione pratica di una sala cinematografica; il successo di questa collaborazione ha permesso a Kinodromo di essere selezionato da “Che Fare?“, la seconda edizione del premio culturale destinato appunto a uno dei progetti italiani più innovativi.

L’associazione bolognese si propone di costituire una rete composta da sale e associazioni fruibili dal pubblico, di veicolare contenuti indipendenti del territorio emiliano e non, che spesso non rientrano nel mercato cinematografico tradizionale e che per questo vengono selezionati e proiettati nel cinema Europa di via Pietralata.
L’idea è di creare un nuovo spazio all’interno delle sale, in cui sia possibile avere molteplici esperienze artistiche, oltre alla fruizione cinematografica: performances, concerti, visual, spettacoli teatrali, DJ e VJ set, installazioni, etc.

Che Fare? è un’iniziativa dell’associazione culturale no-profit “doppiozero”, un progetto editoriale, un sito web, una rivista on-line, una casa editrice di e-book, un laboratorio di idee e, soprattutto, una comunità di lettori e scrittori, che si rivolge a tutto il mondo della cultura.

8 sono i progetti che verranno selezionati dal pubblico votante e che saranno infine davanti alla giuria per il premio di 100.000 euro. Attualmente Kinodromo è in bilico tra la nona e l’ottava posizione, per questo vi invitiamo a sostenerlo, semplicemente cliccando su http://www.che-fare.com/progetti-approvati/kinodromo/ e registrandosi. Si riceveranno due email contenenti la password necessaria per il voto e il link del progetto che s’intende votare.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”