””/

Un intero edificio in viale Aldini 116 è stato occupato questa mattina dal collettivo Làbas. I giovani attivisti rilanciano così la campagna #ioccupo per il diritto all’abitare, dopo l’occupazione di un appartamento Acer in via Mascarella.

Continuano le iniziative dei movimenti bolognesi contro la speculazione edilizia e per il diritto all’abitare. Questa volta è il collettivo Làbas a essere protagonista di una nuova occupazione in città. Gli attivisti rilanciano la campagna #ioccupo prendendosi una palazzina abbandonata in viale Aldini 116, dopo che nelle settimane scorso era andata in scena l’occupazione di un appartamento di proprietà dell’Acer in via Mascarella.

“Questo secondo passo della campagna vuole dare un messaggio chiaro riguardo all’emergenza abitativa – spiega Francesca di Làbas – un’occupazione di un posto abbandonato che dà la possibilità a delle persone di viverci all’interno”. L’edificio sarà ora riqualificato e messo a disposizione di almeno 10 persone, studenti, precari, disoccupati e pensionati.