Da Neil Young a Jimi Hendrix, dai KISS a Ginevra di Marco. Queste le news di oggi.

La scorsa notte, Neil Young si è esibito in un concerto privato per un noto miliardario e banchiere francese. Svoltosi al teatro Mogador di Parigi, l’artista ha suonato per la prima volta in assoluto il brano “Till the Morning Comes” dall’album “The Gold Rush”. Ha suonato anche il pezzo “Creeple Creek Ferry” dallo stesso disco per la quarta volta. Trovate il video dell’esibizione su Youtube.

Neil Smith, batterista nella band di Alice Cooper negli anni ’70, ha messo all’asta una serie di storici oggetti tra cui una ghigliottina, usata sul palco dallo storico frontman. Tra i pezzi all’asta anche costumi indossati nell’era di “Killer”, “School’s Out” e “Love It To Death”.

La musica moderna non utlizza più la dissolvenza. Nella classifica delle 10 canzoni più ascoltate dal 2011 al 2013 solamente “Blurred Lines” utilizza questa tecnica. La nascita del fade out può essere rimandata al 1820, da parte del compositore Gustav Host, che piazzava un coro femminile in una stanza di cui veniva chiusa la porta. Ma fu negli anni della registrazione elettronica che la dissolvenza vide il massimo della diffusione. Furono i Beatles tra i primi a sperimentare, creando alcune dei fade out più famosi della storia della musica, tra i quali “Helter Skelter” e “Hey Jude”.

Passiamo ora all’Italia. I KISS hanno annullato tutte le date del tour europeo, compresa la data del 3 Giugno al Gods of Metal 2016. L’annuncio è stato comunicato dalla compagnia Live Nation. Gli organizzatori del festival di Monza si sono così visti costretti a passare da due giornate a una sola, il due Giugno. Chiunque abbia comprato un biglietto per la data annullata può richiedere un rimborso entro e non oltre il 31 Marzo.

Il festival del Beaches Brew, organizzato dallo storico Hana-Bi, ha annunciato la line-up di quest’anno. Il locale ravennate ha infatti confermato la presenza di almeno 15 artisti, tra cui l’immancabile Ty Segall. Ancora totalmente gratuito, i live si divideranno in ben quattro giornate, dal 6 al 10 Giugno, date in cui molti altri nomi si aggiungeranno ai 15 già sicuri.

Per chiudere, ricordiamo l’appuntamento di stasera al Bravo Cafè con Ginevra Di Marco che presenterà il suo nuovo spettacolo “Ginevra Di Marco canta Mercedes Sosa”, dedicato all’artista argentina. “Non ho mai sentito una voce più bella di quella di Mercedes” spiega la cantante toscana “E’ stata la voce che mi ha fatto riconsiderare il significato del termine ‘cantare’; una voce colma di sonorità, un tesoro che spalanca l’anima. C’è qualcosa in lei che non si sa da quale profondità provenga”. Ginevrà sarà accompagnata da Francesco Magnelli al piano e magnellophono e Andrea Salvatore, alla chitarra e tzouras.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61