Una ex fabbrica e un canyon trasformati da una cooperativa in una colonia autonoma che dà da vivere e lavorare attraverso una moneta sociale e software liberi per la gestione del tempo e delle case. È l’esperienza di Ca la Fou, in Catalogna, che verrà presentata il 2 giugno ad Xm24.

Mentre in Italia si celebrerà la festa della Repubblica, il 2 giugno ad Xm24 si parlerà di una colonia pressoché autonoma dallo e nello Stato spagnolo, più precisamente a Vallbona d’Anoia, in Catalogna, non lontano da Barcellona.
A presentare questa esperienza sperimentale, chiamata Ca la Fou, saranno proprio due abitanti della comunità, che faranno tappa in via Fioravanti 24 prima di recarsi all’Hackmeeting di Pisa.

Il progetto si sviluppa in una vecchia area industriale di 28mila metri quadrati, in disuso da vent’anni, con annessi canyon e case per gli operai, acquistata nel 2011 dalla Cooperativa Integral Catalana per trasformarla in una colonia con case ed edifici per eco-industrie.
Qui, i soci della cooperativa hanno dato vita all’esperimento eco-industriale e post-capitalista. “Vogliamo fornire un beneficio sociale, ecologico ed economico alla regione di Anoia – spiegano le anime del progetto – sensibilizzare e incoraggiare la creazione di alternative. Siamo passati dalla protesta alla costruzione di alternative e meccanismi per vivere al di fuori dal capitalismo”.

Nel concreto, la ristrutturazione dell’area diventa occasione lavorativa per i soci della cooperativa che sono anche gli abitanti della colonia. Oltre alla struttura decisionale democratica e assembleare, la peculiarità di Ca la Fou risiede in due elementi: la moneta sociale e la tecnologia.
La prima è stata pensata per affrancare le persone dai meccanismi mercificatori del capitalismo, dove il potere e la ricchezza risiedono sostanzialmente nella disponibilità economica. La moneta sociale, invece, attribuisce valore ad altri elementi, come il tempo ed altri aspetti, appunto, sociali al fine di ridurre disuguaglianze economiche e forme di consumismo dissipative.

Il secondo punto, la tecnologia, fa di Ca la Fou un progetto d’avanguardia. Attraverso due software liberi, sviluppati in Django e python3, infatti, vengono gestite la moneta sociale e le case.
Eco-gnomy è il nome del programma informatico che, oltre che giovedì prossimo ad Xm24, verrà illustrato anche all’Hackmeeting di Pisa.
Per info:
www.calafou.org
www.ecn.org/xm24

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”