Oggi doppio compito per Eddy Anselmi nella sua quotidiana rubrica, “Aspettando l’Eurovision“, dedicata al contest musicale che prenderà piede dal 19 al 22 maggio all’Ahoy Arena: dopo ieri si parlerà ancora di Balcani, con l’Albania, ma prima un salto sul Caucaso, per trattare la partecipazione della Georgia.

Eurovision Song Contest 2021: la Georgia

Tornik’e Kipiani avrà il compito di rappresentare il piccolo paese al confine con l’Asia, e sarà il terzo cantante solista per la sua nazione dopo Anri Jokhadze a Baku 2012, e Oto Nemsadze a Tel Aviv 2019, entrambi fuori dalla finale. Secondo i bookmaker non sarà differente il destino del nativo di Tbilisi, classe 1987, che sul palco di Rotterdam porterà “You“, brano lento e con il testo più breve di questa edizione della kermesse.

Tornik’e è noto al pubblico per aver trionfato nel 2014 alla prima edizione di X Factor Georgia, per poi prendere parte, nel 2017, al programma di selezione per l’Eurovision, in coppia con Giorgi Bolotashvili, e il loro brano “You Are My Sunshine”, che però non ebbe molta fortuna. Il contest gli aprì comunque le sue porte dopo la vittoria della seconda edizione di Georgian Idol, nuovo talent show per la selezione al Festival, con la sua canzone “Take Me as I Am” e, dopo l’annullamento dello scorso anno, è stato riconfermato per la partecipazione del 2021.

La Georgia ha preso parte all’Eurovision in dodici occasioni, ed è riuscito a passare la semifinale sette volte, l’ultima a Stoccolma 2016 con Nika Kocharov & Young Georgian Lolitaz, e che segna, insieme alla Lettonia, l’assenza più lunga tra le partecipanti di quest’anno dalla finale. Il miglior piazzamento rimane il nono posto, raggiunto in due occasioni consecutive, a Oslo 2010 con Sopho Nizharadze e a Dusseldorf 2011 con Eldrine, tra l’altro uniche volte in top 10.

Eurovision Song Contest 2021: l’Albania

Il paese balcanico si presenterà alla gara con la canzone più triste e disperata in gara: «Dio non mi perdonerà» dice Anxhela Peristeri nella sua “Karma“, Eddy Anselmi ipotizza che debba averla fatta grossa per dire queste cose all’Ahoy Arena. Motivo della sua angoscia può derivare dal passato della cantante, fatto di discriminazione in Grecia, luogo in cui si è trasferita dopo il diploma, e dove l’etnia albanese non era ben vista.

Nativa di Coriza nel 1986, Anxhela è salita alla ribalta con la sua partecipazione nel 2001 prima a Miss Albania, poi al Festival i Këngës, concorso musicale per la selezione all’Eurovision, con il brano “Vetëm ty të kam“, con cui non vinse. Il trionfo giunse diciannove anni dopo con questo brano in lingua albanese, che le permetterà di rappresentare il suo paese al posto della vincitrice dello scorso anno, Arilena Ara.

Questa sarà la sedicesima partecipazione della Repubblica di Tirana al concorso, la prima nel 2004: per otto volte è riuscita a raggiungere la finale, due delle quali nelle ultime due edizioni. Il miglior piazzamento è il quinto posto della cantante kosovara Rona Nishliu, che a Baku 2012 ha portato il pezzo “Suus“. La Peristeri punterà a migliorare questo risultato, diventando la terza albanese consecutiva a raggiungere la finale, la terza a raggiungere la top 10 e, sognando in grande, la prima a vincere.

Luca Meneghini

ASCOLTA LA RUBRICA DI EDDY ANSELMI:

Articolo precedenteBicicletta, ogni martedì le due ruote “occupano” piazza Aldrovandi
Articolo successivoART CITY apre con una mostra di Helen Downling