Il 27 agosto 2020 è stato lanciato il sito web Bookdealer, la prima piattaforma in Italia che sostiene attivamente le librerie indipendenti effettuando spedizioni e consegne a domicilio. L’idea ha cominciato a farsi strada durante il lockdown di marzo grazie a Leonardo Taiuti, Matteo Garavaglia, Daniele Regi e Massimo Innocenti, in un momento in cui il reperimento dei libri era diventato sempre più difficile: infatti, non tutte le librerie si erano organizzate con servizi di consegna e neanche i grandi colossi della distribuzione riuscivano a consegnare in tempo utile. Con la nascita di Bookdealer, il rapporto fra l’acquirente e il punto vendita di fiducia è mantenuto grazie alla possibilità di visitare il negozio online, ricevere consigli dai librai, leggere recensioni e conoscere le iniziative proposte dalle librerie.

Il neonato e-commerce si definisce “una piattaforma nata “dal basso” grazie alle idee e all’impegno di editori, librai e lettori motivati da un unico desiderio: offrire al lettore un’alternativa ai grandi store online e sostenere in maniera concreta le librerie indipendenti”.

Leonardo Taiuti, editore di Black Coffee e co-fondatore di Bookdealer, spiega nella nostra intervista che l’esigenza che ha mosso la creazione del sito, oltre al lockdown, è stata la mancanza di un’iniziativa che sostenesse effettivamente le librerie indipendenti, dal momento che i maggiori shop online non offrono un aiuto concreto alle piccole imprese commerciali del territorio. Nonostante Bookdealer sia attivo solamente da tre mesi, la risposta che ha ricevuto dal pubblico è stata molto incoraggiante e il team di fondatori si sta impegnando in un costante miglioramento delle prestazioni e della user experience.

Bookdealer: acquista dalle tue librerie indipendenti di fiducia

Le modalità di acquisto sono due: la prima vede come punto di partenza la scelta del libro, successivamente si procede visitando il catalogo dei prodotti in commercio e si seleziona la libreria dalla quale si vuole comprare in base alla geolocalizzazione, che comunica quali zone sono coperte dalla consegna a domicilio. Giunti a questo punto, ci sono opzioni differenti: se l’indirizzo del destinatario è incluso nel raggio d’azione della libreria, il libraio stesso può incaricarsi di effettuare la consegna, se invece la distanza è maggiore si effettuerà la spedizione con corriere. Tutti quei lettori che sono affezionati alla loro libreria di fiducia e desiderano offrirle un aiuto o vogliono effettuare il loro acquisto in un negozio in particolare sceglieranno la seconda modalità, che ha inizio proprio dal punto vendita selezionato dall’acquirente anziché dal prodotto. La somma spesa, che comprende anche un piccolo sovrapprezzo per la spedizione, andrà direttamente alla libreria. Bookdealer, inoltre, non chiede alcuna percentuale sul venduto o altre spese annuali e di gestione.

Nella zona di Bologna una delle librerie più attive è la Confratermita dell’Uva, la quale non partecipa solamente mettendo a disposizione il suo catalogo, ma propone anche numerosi consigli e percorsi di lettura. Altre librerie in territorio felsineo sono Gallery 16, Bookstop, ONO Arte, Libreria delle DonneAttraverso e Libreria il Secondo Rinascimento.

Beatrice Lazzari

ASCOLTA L’INTERVISTA A LEONARDO TAIUTI: