Anche questa settimana torna la nostra consueta rubrica dedicata alle principali squadre sportive della nostra città. Anche il mondo dello sport si è stretto intorno al popolo ucraino: Sinisa Mihajlovic ne ha parlato in conferenza stampa (commuovendosi ricordando il conflitto nei Balcani che ha vissuto in prima persona), le partite di Serie A del weekend sono iniziate con 5 minuti di ritardo, e sicuramente ci saranno manifestazioni anche nel basket, quando il campionato ripartirà questo fine settimana. Sul campo, invece, gli ultimi sette giorni sono stati all’insegna di un unico protagonista (positivo), ovvero Marko Arnautovic.

Bologna Sport: rossoblù, quattro punti d’oro

La settimana appena passata è stata più che positiva per il Bologna, che dopo aver battuto lo Spezia in rimonta al Dall’Ara, esce dalla trasferta di Salerno imbattuto, portando a casa un punto contro la Salernitana, ultima in classifica ma in un periodo di forma molto positivo.
Nel match di sabato pomeriggio, padroni di casa subito pericolosi con Ederson, ma sono gli ospiti ad andare più vicini al vantaggio: al 27′ viene assegnato un rigore al Bologna, che viene però tolto dal VAR, ma lo 0-1 è solo rimandato al finale del primo tempo, quando Arnautovic sfrutta perfettamente un cross di Hickey ed insacca. Si tratta del secondo goal in sei giorni e nono in campionato.
Nella ripresa la squadra di Nicola cerca disperatamente il pareggio, che arriva al 72′ grazie a Nadir Zortea. Da quel momento, 20 minuti di sofferenza per il Bologna, che però riesce a mantenere il risultato sull’1-1.
I Quattro punti delle ultime due partite hanno risollevato gli animi dopo un inizio 2022 stregato, e riaggiustato la classifica, dove i rossoblù si trovano al dodicesimo posto con un rassicurante vantaggio sulla zona retrocessione. Prossimo impegno domenica alle 15, quando al Dall’Ara arriverà il Torino.

Bologna Sport: pausa nazionali nel basket

Nessuna palla a due per Virtus e Fortitudo, infatti la Serie A di Basket si è fermata per dare spazio alle nazionali.
E dopo due terzi della stagione, si possono fare i primi bilanci: per la Virtus si prospetta un lungo avvicinamento verso i Playoff scudetto, visto l’enorme vantaggio sulla nona, Sassari. Tuttavia, per i campioni d’Italia non sono mancate le delusioni, le sconfitte di ottobre contro le neopromosse hanno aperto un gap tra le V nere e Milano che probabilmente porterà l’Armani a vincere la regular season. Inoltre bisogna mettere in conto la grande beffa della Coppa Italia di metà febbraio, un obiettivo alla portata sfumato in semifinale. Ora c’è da finire la stagione regolare senza spendere troppe energie, per poi dare l’assalto al secondo scudetto consecutivo da maggio in poi.

Dall’altro lato, abbiamo una Fortitudo in un momento nerissimo: la stagione è iniziata con una serie di sconfitte consecutive che sono costate la panchina a Luca Dalmonte, e il ritorno di Antimo Martino non ha dato la scossa sperata, tanto che a dodici partite dalla fine, la Effe si trova all’ultimo posto in classifica, e davanti a sè ha una feroce battaglia per rimanere nella massima serie. Per fare ciò servirà trovare unione non solo in campo, ma anche in società, dopo l’addio del presidente Christian Pavani di fine gennaio.

Articolo precedenteGuerra in Ucraina: Mosca minaccia col nucleare, l’Ue risponde con l’invio di armi
Articolo successivoOccupazione Copernico, un gruppo di genitori: «No a provvedimenti disciplinari»