Dopo Pasqua e il 25 aprile, ci siamo messi alle spalle anche il weekend del Primo Maggio. Un fine settimana di verdetti per le principali squadre sportive della città, alcuni più che positivi, altri al limite del dramma sportivo, come nel caso della Fortitudo.

Bologna Sport: basket, Fortitudo in A2, Virtus vince la Regular Season

Questa settimana non possiamo non partire dal PalaDozza, dove ieri sera si è consumata l’ennesima, nonchè definitiva, resa della Fortitudo, che ha perso contro Napoli il decisivo scontro salvezza, retrocedendo così in A2.

In un match caratterizzato dai tantissimi errori sotto canestro, le due squadre se la giocano punto su punto, con ogni tentativo di allungo degli ospiti che viene annullato dalle prestazioni di Grosselle e Frazier, con l’ultimo che firma una tripla pesantissima a tre secondi dalla fine del primo tempo per portare il risultato sul 29 pari.
Nella ripresa i campani partono meglio ritrovandosi a +7, ma la Kigili si ritrova e torna avanti, prolungando il testa a testa fino ai minuti finali, quando la Fortitudo fa la Fortitudo e sparisce dal campo nel momento decisivo. Il risultato finale di 56-64 fa si che gli ultimi istanti del match si trasformino in un terzo tempo anticipato e una Fortitudo che esce dal campo tra i fischi della Fossa, che ha incitato la squadra per tutti i 40 minuti.

Termina così dopo 3 anni l’esperienza della Effe nella massima serie, partita con una qualificazione ai playoff e conclusa con una stagione stregata, iniziata male e finita peggio. Ora non rimane altro che risolvere le grane societarie e ripartire dalla A2.

Dall’altra sponda della Basket City arriva un verdetto sicuramente più dolce: grazie all’impressionante vittoria su Treviso, la Virtus Bologna ha centrato aritmeticamente il primo posto nella Regular Season.

Il 76-113 finale lascia poco spazio a interpretazioni, la Segafredo domina fin dall’inizio, portandosi già a +28 dopo 15 minuti. I padroni di casa cercano di limitare i danni recuperando qualche punto, ma nulla possono di fronte alla prova di squadra dei campioni d’Italia (sette giocatori oltre quota 10 punti), che portano a casa il quindicesimo successo cosecutivo e lasciano l’Olimpia Milano a -4 a soli due turni dalla fine, il primo sarà venerdì a Sassari, per il recupero della ventesima giornata, prima di chiudere la stagione domenica sera alla Segafredo Arena contro Brescia. Ultimo turno anche per la Kigili, che nel derby contro Reggio archivierà questo maledetto campionato.

Calcio: Bologna, filotto impressionante per Sinisa

Anche nella Serie A, a sole tre giornate dalla fine anche il futuro del Bologna è scritto: per il settimo anno consecutivo è stata mantenuta la categoria, una salvezza mai messa in discussione grazie ad un convincente inizio di campionato che ha visto la squadra tenere il passo delle big, ma che è stata certificata dall’ultimo filotto di sei partite, dove il Bologna è rimasto imbattuto e ha portato a casa 10 punti.
Dopo aver fermato Juve e Milan e aver battuto l’Inter mercoledì (successo seguito da una visita a mister Mihajlovic al Sant’Orsola) i rossoblù hanno portato a casa un altro pareggio, questa volta uno 0-0 all’Olimpico contro la Roma, nel quale i padroni di Casa hanno certamente risentito degli impegni europei.
Ora sono 43 i punti in classifica, con la possibilità di laurearsi “Campione d’Emilia”, visto che il Sassuolo dista soli tre punti. Prossimo impegno domenica 8 maggio alle 15, quando al Dall’Ara arriverà il pericolante Venezia.

Articolo precedenteCosto energia: record di utili per Eni, ma le tasse sugli extraprofitti colpiscono solo le rinnovabili
Articolo successivoLa mostra “Schiavitù e tratta: vite spezzate tra Africa e Americhe. Una ricostruzione storica” a Palazzo d’Accursio