Un mix tra gioco, teatro, danza e femminilità è il Bologna Burlesque Day 2016. In programma il 17 settembre, dalle ore 11.00 fino a notte inoltrata, le ragazze del Silk Ribbon Cabaret Team organizzano un evento unico al Kindergaten di via Calzoni 6 a Bologna, per valorizzare la cultura retrò e il teatro/gioco Burleque.

Sì, perchè a organizzare la rassegna sono un gruppo di ragazze di una simpatia ed un energia contagiose, unite dalla passione per il ballo e per lo spettacolo, che hanno voglia di mettersi in gioco, esibirsi e stupire con danza, costumi curatissimi e femminilità.

I cancelli apriranno alle 11.00, per ospitare workshop di Boogie e di Burlesque per tutti e tutte gli interessati. Alle 16:30  l’elezione di Miss Pin Up e a seguire spettacoli di star internazionali. Dalle 20.30 in poi salirà sul palco la Drag Queen più elegante di Bologna, Simona Sventura, per presentare la finale del concorso di Burlesque, con partecipanti da tutta Italia.
Al termine del Contest altre Star internazionali, tra le quali tra cui Albadoro Gala, saliranno sul palco per esibirsi, e da mezzanotte partirà il DJ set pop retrò ed electroswing, per far ballare star e partecipanti tutti insieme.

Per tutta la giornata saranno attivi uno stand  di trucco e parucco pin-up, per chi volesse provare l’acconciatura retrò, un barber shop e un area mercatino vintage dove spulciare pezzi da collezione, vestiti, costumi di scena e accessori. Per tutta la giornata sarà aperta inoltre un area ristoro, bar e cocktail bar per rifocillarsi tra un workshop di ballo e uno spettacolo
Il Silk Ribbon Cabaret Team ha voluto che il Bologna Burlesque Day fosse anche una giornata benefica, perchè, unendosi alla campagna lanciata da Il Fatto Quotidiano, una parte del ricavato sarà donato per la ricostruzione di un asilo ad Amatrice. Contemporaneamente sarà attiva una raccolta fondi a favore del Sant’orsola di Bologna.

Divertimento e spettacolo, ma anche impegno sociale e solidarietà al Bologna Burlesque Day 2016 .

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61