Tra spettacoli, teatro, libri, proiezioni e tanta voglia di conoscere ancora di più la nostra Bologna, attraverso i tesori più nascosti. La fantasia e la creatività di format estremamente variegati, saranno il palinsesto dell’estate al Battiferro.

Una rassegna lunghissima, “Battiferro finchè caldo” quarta edizione, fino al 12 settembre l’estate bolognese si animerà con serate che avranno il leitmotiv di un intrattenimento a 360 gradi. Grazie all’Associazione Vitruvio sempre molto presente e lungimirante, nel valorizzare location straordinarie e impegnarle all’insegna del buongusto e della condivisione con la città.

Bologna città d’acqua, lo storico “Sostegno del Battiferro” sul Canale Navile serviva a livellare le acque con una serie di “chiuse” per l’accesso delle navi in città…sembra incredibile, ma era così, una via d’acqua che serviva anche alla comunicazione commerciale, tra le città di Ravenna e Ferrara. Iniziare a valorizzare, con queste rassegne posti che hanno avuto un’importanza fondamentale, per una grande città, è sicuramente meritorio e spettacolare, magari pensando ad un futuro in cui le tre città (Bologna, Ferrara, Ravenna) si possano raggiungere via acqua, esplorando la meraviglia della pianura circostante.

Dopo questa breve descrizione, del luogo, un isola dove sorge un edificio atto nel 1500 alla lavorazione del ferro e del rame, passiamo all’estate 2015 con i format di intrattenimento al Battiferro.

Organizzati dall’Associazione Vitruvio, si parte con una rivisitazione “Canal Burlesque” tra anni ’20 ’40 e ’60, storiche e affascinanti esibizioni, con tanto di approfondimenti sulla navigazione bolognese… (Internet non c’entra …per fortuna!), si passa ai divertenti talk show con “Cinque etti di Bologna” miti dalle osterie nei dintorni del Battiferro, la presenza di Eugenio Maria Bortolini e Gabriele Baldoni regaleranno quella bolognesità e quella dose di ironia per rendere ancora più interessanti e divertenti le serate

Musica, concerti, tributi a grandissimi che “ascolteranno da un’altra dimensione, un ciclo di concerti intitiolato “Siamo Angeli” dalla canzone “Vita” di Lucio Dalla. La musica sarà anche Jazz, blues e la rassegna, nella rassegna “Klezmer & Dintorni” la tradizione Yddish sarà protagonista con sonorità uniche di miscellanea fra medioriente, Jazz e realtà balcaniche.

Gastronomia e la possibilità di avere una parte di Battiferro “come a casa nostra”, quindi non solo la possibilità di cenare, con tigelle, piadine, arrosticini…ma l’Associazione Vitruvio metterà a disposizione l’occorrente per cucinare il cibo portato da casa, per il bere c’è sempre il fornitissimo bar.

Si inizia e si inaugura, sabato 27 giugno e il compendio delle serate sarà presentato con incursioni dei personaggi Leporello (Eugenio Maria Bortolini)e Faldoni (Gabriele Baldoni) e il concerto dei Treenuje, che daranno un assaggio variegato della parte musicale della kermesse, si inizia alle 20,00 Ingresso Gratuito

In conclusione, le carte in regola per una bella estate ci sono, il Battiferro come “location” si avvia ad essere la più originale e caratteristica in una città che, senza essere supponente o snob, vuole ripartire e valorizzare le proprie cose belle, scoprendo le tradizioni più particolari… ora tocca a noi saper cogliere l’occasione, Buon Estate, Buon Battiferro!

Per tutte le date dettagliate dal programma, info@battiferrobologna.it

                              William Piana

Ascolta l’intervista a Gabriele Bernardi, Pres. dell’Associazione Vitruvio