I BantuBeat partono da un’idea di Fabio Di Summa, leader del gruppo, che appassionato di musica afrofunk incontra altri musicisti di diversa provenienza del panorama bolognese. Sabato 2 marzo il live al Binario 69.

“Il nome Bantubeat è stato creato come rappresentazione di un’idea ritmica nella quale ci identifichiamo. Bantubeat ha infatti un suo ritmo afrobeat – racconta Fabio di Summa ai nostri microfoni – Musicalmente ci ispiriamo a Fela Kuti, inventore dell’afro beat ma anche alla Soul Jazz Orchestra. Abbiamo iniziato a fare concerti con un repertorio di cover che ci hanno dato tanta ispirazione anche per i nostri pezzi inediti. Il disco, uscito nel 2019, è nato dal lavoro di tutti noi che ci consideriamo un vero e proprio collettivo: i nostri brani sono stati scritti tutti insieme”.

ASCOLTA L’INTERVISTA AI BANTUBEAT

Articolo precedente55 anni della Casa del Popolo di Corticella, un modello che resiste
Articolo successivoMondiali Antirazzisti a Riace: una colletta andarci tutti