In questa estate bolognese ricca di eventi in presenza, anche Art Motel riparte con incontri dal vivo, per confrontarsi e dialogare insieme di arte, cultura e per aprire spazi di dibattito con giovani artisti.

Call di artisti, sessioni di disegno e festival per un’arte che dialoga

Art Motel è il laboratorio permanente di arte contemporanea, che si presenta come strumento di resistenza culturale, nato e sviluppatosi nel periodo del blocco pandemico.
Ora con la nuova stagione estiva, può finalmente aprirsi e andare oltre il digitale, organizzando momenti di incontro e di dibattito.

Come raccontano ai nostri microfoni, Lucia Cataleta e Dario Molinaro, rispettivamente communication manager e digital strategist e direttore artistico del progetto, «tornare a fare eventi dal vivo è una liberazione».
E infatti tra le prime occasioni di incontro, il 15 giugno al Coco Cafè, in via Guerrazzi 28, ci sarà Il bar al bar, un’opportunità di incontro per dialogare insieme di arte, cultura e del proprio percorso artistico, ritrovandosi tra amici, colleghi e personaggi del quartiere.

Altro evento si terrà il 20 giugno per Atelier Kinotto, per cui è stata organizzata anche una call di giovani artisti.
Questa rassegna coinvolgerà il DLF, in via Sebastiano Serlio 25/2, in collaborazione con La Banana e organizzato da Locomotiv club, Kinotto Bar e Taldeg. Lo scopo è di premiare i giovani talenti: infatti sarà organizzata una sessione di disegno dal vero, in cui dieci artisti emergenti, provenienti dall’Accademia di Bologna, e selezionati tramite la call, che si chiuderà il 12 giugno, si confronteranno in questa occasione di disegno dal vero, rappresentando ciò che vedono intorno a loro.
L’insieme delle opere andranno poi a comporre una installazione finale, che può essere definita come il reportage della giornata.
Inoltre, sempre in questa occasione, quattro artisti, Giulio Zanet, Martina Roberts, Alessandro Saturno e Silvia Argiolas, esporranno quattro disegni realizzati per l’evento, che saranno esposti nella main page di Art Motel.
L’obiettivo, come ci ricorda Lucia Cataleta, «è costruire un dialogo tra artisti affermati, che hanno una storia, e giovani talenti emergenti, che si stanno affacciando nel mondo dell’arte».

Proiettandoci verso i prossimi mesi, a settembre ci sarà l’Art Motel Fest, evento di punta del progetto, che si compone di due appuntamenti, l’11 e il 18 settembre, presso i giardini del Baraccano, in via Santo Stefano 119/2.
L’Art Motel Fest è in fase di organizzazione: per l’11 settembre è previsto un talk, per dialogare e riflettere sugli esiti della pittura contemporanea. Tanti gli ospiti e gli artisti previsti, tra cui ci sarà Lorenzo Balbi, il direttore artistico del MaMbo.
Poi il 18 settembre si apriranno le porte alla cittadinanza, con una sessione di pittura en plain air, dove tutti potranno partecipare, abbandonandosi all’ispirazione di ciò che li circonda.
Alla fine dell’evento sarà poi organizzata una mostra per esporre i vari lavori.

Per ogni informazione, anche riguardo le prenotazioni per partecipare agli eventi in presenza, visita i canali social di Art Motel.

Chiara Moffa

ASCOLTA L’INTERVISTA A LUCIA CATALETA E DARIO MOLINARO:

Articolo precedenteA Cesena la musica si ascolta nel festival Acieloaperto
Articolo successivoNotte Freak 2021: Dams50 e Biografilm ricordano Freak Antoni