Questa notte è arrivato l’accordo per il prestito di 130 miliardi di Euro per la Grecia.

In cambio del salvataggio, Banca Centrale, Fondo Monetario e Unione Europea hanno preteso dal Paese ellenico riforme strutturali e privatizzazioni che stanno provocando violente proteste ormai da tempo. La cosiddetta troika (BCE, FMI e UE) si installerà inoltre ad Atene per controllare che le richieste vengano soddisfatte. Per capire meglio cosa comporterà questo salvataggio per la Grecia, abbiamo chiesto un commento all’accordo al direttore di Altraeconomia Pietro Raetano, che ci ha anche detto la sua sulla perdita di sovranità di Atene.

Qui sotto puoi ascoltare l’intervista completa al direttore di Altraeconomia Pietro Raetano

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”