Questi gli appuntamenti di mercoledì 18 ottobre

INCONTRI

XM24: Via Aristotile Fioravanti 24, ore 20:00: Assemblea No Borders, assemblea settimanale del mercoledì del progetto No Borders, che lotta contro tutte le frontiere, fisiche e immaginarie e si occupa di solidarietà attiva con migranti in transito a Bologna e con chi vi risiede già da tempo.

DIPARTIMENTO DELLE ARTI: Via Barberia 4, alle ore 16:00: in Salone Marescotti  Incontro con il compositore Giorgio Battistelli: l’incontro è volto a far conoscere l’opera di alcuni compositori italiani che negli ultimi trent’anni hanno dato un contributo significativo alle vicende e agli esiti estetici della musica contemporanea d’avanguardia. Partecipano Giorgio Battistelli, Gianluigi Mattietti, Anna Menichetti

MUSICA

BRAVO CAFFÈ: Via Mascarella 1, ore 22:00: La band brasiliana Azymuth torna al Bravo caffè per un altro concerto. La loro musica che può essere ascritta a quel vasto mondo sonoro che passa sotto il nome di “lounge music” ma la cui orecchiabilità dei temi nasconde una maestria tecnica impressionante.

CANTINA BENTIVOGLIO: Via Mascarella 4/B, ore 22:00: Marco Ferri Trio in concerto.

CORTILE CAFÈ: Via Nazario Sauro, 24/A alle ore 22:00 : Fabio Cinti in concerto. Il quarto appuntamento di Sottoscala Live vede in concerto Fabio Cinti, cantautore che ha collaborato con Franco Battiato e Nada, fra gli altri.

MACONDO: Via del Pratello 22, alle ore 22:00: Maria Devigili in concerto: inserita da Rockit tra le 10 nuove cantautrici italiane da tenere d’occhio, Maria Devigili ha aperto svariati concerti tra cui quelli di artisti del calibro di Eugenio Finardi e dei Tre Allegri Ragazzi Morti.

LETTERATURA

LIBRERIA TRAME: Via Goito 3/C, ore 18:00: Incontro con Andrea Sirotti, traduttore di Quella cosa intorno al collo e di Cara Ijeawele di Chimamanda Ngozi Adichie, scrittrice nigeriana, una delle più amate scrittrici viventi di lingua inglese. Ne parleranno con lui Silvia Albertazzi e Loredana Magazzeni.

LIBRERIA MODO INFOSHOP: Via Mascarella 24/B, ore 19:00: Aldo Raul Becce presenta il suo libro Scene della vita forense (Mimesis edizioni), un viaggio attraverso un possibile modo di lavorare in ambito giuridico Dialogano con l’autore Claudia Rubini e Mario Giorgetti Fumel.

LIBRERIE. COOP ZANICHELLI: Piazza Galvani 1/H,  ore 18:00:
Davide Lugli presenta il suo libro Progetti web che funzionano (Flaccovio). Interviene con l’autore Lorenzo Notari. Che cos’è il Web? Perché alcuni progetti online ottengono più successo di altri? Come si può emergere all’interno di un mondo virtuale dove ogni giorno compaiono e scompaiono milioni di contenuti, verso cui stanno convergendo sempre più velocemente le nostre vite professionali e personali?

LIBRERIA UBIK IRNERIO: Via Irnerio 27, ore 18:00: presentazione del libro “Il mondo di cristallo – La terra, l’uomo, la crisi ambientale”, di Gabriele Bertacchini che ne parlerà con l’autore Gianmaria Beccari.

TEATRO

TEATRO VASCELLO: Via Giacinto Carini 78, ore 21:00: Chiedi chi era Francesco di Andrea Adriatico: spettacolo dedicato alla memoria di Francesco Lorusso, militante italiano di Lotta Continua, il cui omicidio nella giornata dell’11 marzo 1977 a Bologna dette origine a gravi scontri in piazza nei giorni immediatamente successivi.

CINEMA

CINEMA LUMIÈRE: Via Azzo Gardino 65:
Sala Officinema/Mastroianni: “L’invasione degli Ultracorpi” di Don Siegel (18:00), “Il mio Godard” di Michel Hazanavicius (19:45), “Break-Up, l’Uomo dei cinque palloni” di Marco Ferreri (22:30)
Sala Cervi: “Il palazzo del Vicerè” di Gurinder Chadha (18:00-20:15-22:30)
Sala Scorsese: “Blade Runner 2049” di Denis Villeneuve (18:30-21:30)

CINEMA MEDICA PALACE: Via Monte Grappa 9, dalle ore 23,00: Nella notte di mercoledì 18 ottobre, via Montegrappa si tinge di rosso in occasione del primo appuntamento con i Midnight Screenings del Pop Up Cinema Palace, la proiezione spciale in versione originale sottotitolata di IT, il film di Andrés Muschietti tratto dal capolavoro letterario di Stephen King.



Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61