Questi gli appuntamenti di venerdì 21 settembre

INCONTRI

BOLOGNA CENTRO: Piazza Maggiore, dalle ore 16.00, A Casa di Lucio nella città della musica. Un tour per toccare i luoghi simbolo di questa “città musicale” con l’accompagnamento di guide specializzate, per concludersi nella casa di Lucio Dalla di via D’Azeglio.

HOBO TATTOO GALLERY: Via Camillo Ranzani 13/5, dalle 17.00, serata FLASH DAY per farsi tatuare sostenendo il Festival PENNELLI RIBELLI.


MUSICA

CASSERO LGBTI center: Via Don Minzoni, 18, dalle 20.00, LaRoboterie Free 4 All – L’Altra Sponda. Ingresso gratuito senza tessera.

MONTAGNOLA: Via Irnerio 2/3, h 21.00, Vodoo Sound Club in concerto. Una miscela esplosiva di funky, afrobeat, jazz, gnawa music, afrocuban music, psichedelia e canzoni di lotta ed impegno sociale.

FREAKOUT CLUB: Via Emilio Zago 7c, h 21.00, The Next One + Moddi live.

Ex Forno MAMbo: Via Don Giovanni Minzoni 14, h 21.00, Yu Su live. Per la prima volta e per la prima della stagione una raffinatissima Dj e Producer Cinese naturalizzata Canadese.

CORTILE CAFE’: Via Nazario Sauro 24/A, h 21.00, Rock N’Roll & Boogie Woogie Night – serata anni ’50.

GOTHAM CITY: Via Enrico Mattei 6, dalle 22.00, Free Day Tekno Invasion

CHALET DEI GIARDINI MARGHERITA: Viale Massimo Meliconi 1, h 23.30, ORTHO-FLUO-PARTY con Dano Deep e Luigi Lo Zio Giusti.

DER KINDERGARTEN: Via Calzoni 6, dalle 23.00, Restart – Hard Bass Calling #6 vs ITR (Internazionale Trash Ribelle) – Psytrance, D’n’B, Dark Psy.


CINEMA

GIARDINI FILIPPO RE: Via Filippo Re, dalle 20.00, SPOILER SULL’ONDA DI RADIO ALICE, incontro sulla creazione di una nuova web radio di Link – studenti indipendenti. A seguire proiezione di “Lavorare con lentezza”.

LABAS: Vicolo Bolognetti 2, h 21.00, LàBAS PLAYGROUND ALLA FESTA DI STRADA – Proiezione di “Rebound – Più in Alto di Tutti” – 1996, Regia di Eriq LaSalle

CINEMA NOSADELLA: Via Lodovico Berti 2/7, dalle 20.00, NAUGURAZIONE SOME PREFER CAKE 2018.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61