Scopri cosa fare stasera con il nostro contenitore culturale e l’agenda degli appuntamenti. In onda dal lunedì al venerdì alle 12.35 nella versione integrale e alle 18.50 nella versione flash.

Questi gli appuntamenti previsti per giovedì 18 febbraio:

POMERIGGIO

INCONTRI

Alla Biblioteca Salaborsa di Piazza del Nettuno 3, alle 17.30, incontro con Lorenzo Cimmino “Diari da uno spettacolo“, per il ciclo “Disognando”. In Auditorium Enzo Biagi, alle 18.00, Chiara Gamberale presenta il suo libro “Adesso“. Ne parla con l’autrice Annalena Benini.

Alla Libreria Coop. Ambascaitori di via Orefici 19, alle 18.00, presentazione del thriller “E’ così che si uccide” di Mirko Zilahy. Ne parla con l’autore Marilù Oliva.

SERA

INCONTRI

Alla Libreria Modo Infoshop di via Mascarella 24/b, alle 21.00, Fabio Rodda presenta la sua raccolta di racconti “Solo per i tuoi occhi blu“. L’autore ne parla con Matteo Pioppi.

MUSICA

Al Locomotiv Club di via Sebastiano Serlio 25/2, alle 21.30, concerto dei Blues Pills.

Alla Cantina Bentivoglio di via Mascarella 4/b,  concerto di Barend Middelhoff,  Jazzin’ Thursday.

Al Bravo Caffè di via Mascarella 1, alle 22.15, concerto di Marco di Maggio e Lucky Strikes.

Al Barazzo Live di via del Pratello 66, alle 21.00, concerto dei Twin Freaks.

Al Cortile Cafè di via Nazario Sauro 24/a, alle 22.00, concerto di Federico Cimini.

TEATRO

Al Teatro Duse di via Cartoleria 42, alle 21.00, spettacolo “La divina” con regia di Alessandro Fullin.

All’Arena del sole di via dell’Indipendenza 44, alle 20.30, in Sala Salmon, continuano le repliche di “David è morto” di Valeria Raimondi ed Enrico Castellani.

Al Teatro delle Moline di via delle Moline 3, alle 20.30, replica di “Racconti dall’Esodo“, una produzione di Amorevole Compagnia Pneumatica.

CINEMA

Al Cinema Lumière di piazzetta Pasolini 2/b, alle 20.00, proiezione di “Giulietta, Romeo e le tenebre” diJ. Weiss. Alle 22. 15 proiezione di “Romeo + Giulietta di William Shakespeare” di Baz Luhrmann.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61