Pagliarini

La storia importante di Carlo Pagliarini, prima fondatore dell’A.P.I. (Associazione Pionieri d’Italia) e poi dirigente nazionale dell’A.R.C.I.,  l’associazione ricreativa itaiana, non è stata sufficientemente ricordata. Questa trasmissione vuole essere anche un “risarcimento” storico.   Solo assai recentemente si è riacceso l’interesse su Carlo Pagliarini, determinante protagonista dell’associanismo dei ragazzi. Per troppo tempo ci si è dimenticati di questo indefesso organizzatore che dal dopoguerra con la fondazione dell’API, fino agli anni ’70 quando inventa l’Arci Ragazzi, ha determinato passaggi decisivi nel rapporto tra la ricreazione, la cultura, la partecipazione delle giovani generazioni alla società.

Chi in tempi non sospetti direzionò il suo studio verso l’attività di questo comunista è stata Michela Marchioro, che nella sua tesi di laurea ha ricostruito la vita di Pagliarini, incontrando lo stesso più volte per ascoltare da lui medesimo ricordi e vlutazioni sul mondo del ricreazionismo. Michela Marchioro, ancor oggi impegnata nel mondo editoriale, racconta ai microfoni di Morena Moretti il suo lavoro sul dirigente Api ed Arci. 

Nella seconda parte della trasmissione incontriamo le piattaforme alternative come Netflix, molto intente a trasmettere serie di cartoni animati, anime per dirla alla giapponese.                                                                                                                                                                 Alcune di queste serie vengono lucidamente narrate da Alfredo Tomesani di Serie Amore e Fantasia: BoJack Horseman,  

Castlevania, iAkumajō Dracula,

Ascolta la trasmissione

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61