Da domani, 9 luglio, a Teatri di Vita va in scena la musica. Nel palcoscenico teatrale che ha una particolare attenzione alla questione dei diritti, infatti, comincia la mini-rassegna “Ragazze di città“. Inseriti all’interno del più ampio programma “Cuore d’Italia”, gli appuntamenti vedranno la partecipazione di 5 artiste rap e trap che si sono fatte strada in una scena dove spadroneggiano i maschi, spesso anche con liriche sessiste. Le cinque donne, invece, utilizzano un immaginario simile per parlare di diritti delle donne, libertà sessuale ed autonomia.
A presentarci la rassegna è Paola Naldi della redazione di Webbol – Cultura a Bologna.

Teatri di Vita: la rassegna “Ragazze di città”

Ad aprire la rassegna sarà McNill giovedì 9 luglio. L’artista ha base a Bologna, collabora con il Cassero Lgbtq+ center, e si è già esibita diverse volte sotto le Due Torri. Il suo album più conosciuto non lascia spazio ad equivoci: si intitola “Femminill”.
Venerdì, invece, sarà la volta di Chadia Rodriguez, di origini marocchine e spagnole ma cresciuta a Torino. Un passato da giocatrice di calcio nella Juventus, ha fatto anche la modella. Una delle sue particolarità è l’ironia sulle stesse cadenze del genere musicale.

Il 17 luglio sarà invece la volta di Nibirv. Il nome è lo stesso di un pianeta immaginario, Nibiru, descritto nei testi mesopotamici raccontato come il grande “punto di transizione”. Nibirv è una delle più sofisticate e talentuose urban women della musica italiana.
Leslie, invece, arriverà a Teatri di Vita il 24 luglio. Dopo la partecipazione a “The Voice” nel team di Elettra Lamborghini, la giovanissima star abruzzese è un fenomeno ormai consolidato della musica trap/rap italiana.
A chiudere la mini-rassegna, il 31 luglio, sarà Beba, donna rapper per eccellenza. Guarda fortemente alle colleghe straniere, usa il suo corpo come grimaldello per trasformare un sound in una comunicazione al femminile.

ASCOLTA LA PRESENTAZIONE DI PAOLA NALDI: