Doveva essere una preview di Resilienze Festival, ma il maltempo ha reso necessario un cambio di programma. Così, “Vivere, che rischio“, il documentario di Michele Mellara e Alessandro Rossi incentrato sulla vita dell’oncologo Cesare Maltoni, verrà proiettato e discusso alle Serre dei Giardini Margherita nella serata conclusiva, quella di domenica 13 settembre.
Al centro del lavoro ci sono temi di grandissima attualità in epoca di pandemia: la salute pubblica, quella sul lavoro e la loro tutela, ma anche il fondamentale ruolo della prevenzione.

Resilienze: un documentario con al centro la salute

Cesare Maltoni è stato il fondatore e per molti anni il direttore dell’Istituto Ramazzini, il celebre centro di ricerca che ha sede nella nostra provincia e che spesso ha fatto parlare di sé per i risultati delle ricerche sul cancro. Oggi il centro di ricerca è diretto da Fiorella Belpoggi e porta proprio il nome di Maltoni.
Nel documentario che verrà proiettato a Resilienze, in collaborazione con Kinodromo, Rossi e Mellara ricostruiscono la vita e le battaglie dell’oncologo, che non è sempre stato gradito a tutti. Specie alle grandi industrie, che si vedevano ostacolate dal lavoro e dai risultati delle ricerche di Maltoni stesso, che per questa sua pervicacia è stato oggetto di diffamazione e minacce.

Eppure i risultati non sono mancati. Dal contributo sulla prevenzione dei tumori all’utero, che ha portato ad avviare una pratica ormai di routine, il pap test, agli studi su sostanze cancerogene, come l’amianto, il cloruro di vinile o il benzene.
L’orizzonte di Maltoni è sempre stato quello della tutela della salute dei cittadini, anche quando ciò voleva dire scontrarsi con le potenze economiche o politiche. E con suo lavoro ha messo in evidenza come il principio di precauzione, spesso applicato dai governi di tutto il mondo, non veniva (e in buona parte non viene tutt’oggi) adottato per tumori e malattie oncologiche.

Gli spunti che i due registi offrono col documentario, però, sono anche altri. Come la controversa e discussa questione della sperimentazione animale. Maltoni non ha mai nascosto di utilizzare topi per fare ricerca e il tema, che spesso solleva vibranti proteste da parte degli animalisti, viene sollevato e offerto come spunto di riflessione nella pellicola.
La serata sarà introdotta da Nicoletta Tranquillo e, oltre ai registi, interverrà anche Fiorella Belpoggi.
L’ingresso alla serata è libero fino ad esaurimento posti e anche per Resilienze Festival sono in vigore le disposizioni per il contrasto del Covid-19.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ALESSANDRO ROSSI

ASCOLTA L’INTERVISTA A MICHELE MELLARA: