L’Associazione dei familiari delle vittime della Strage della stazione di Bologna, Unibo, il Teatro dell’Argine e BAM! Strategie Culturali presentano “A destino”, un progetto che punta a mantenere viva la memoria delle vittime dell’attentato del 2 Agosto 1980 attraverso viaggi e laboratori teatrali.

“A Destino”: di cosa si tratta?

A destino è un progetto di teatro e cittadinanza per il 2 agosto, giornata di commemorazione delle vittime della Strage di Bologna. Nessuna di loro poté completare quel viaggio che è rimasto, così, come sospeso. A completarlo, saranno i partecipanti del progetto, tra chi è arrivato dopo e chi, invece, si ricorda bene cos’è accaduto quel giorno.

Il progetto è diviso in due tronconi: il primo è il laboratorio di 20 ore condotto da diverse guide del Teatro dell’Argine, nel quale i/le partecipanti faranno un cammino diavvicinamento ai temi storici, ma al contempo alle dimensioni umane legate al
2 agosto, prima di incamminarsi per un viaggio che partirà da Piazza Medaglie d’Oro e li condurrà alla stazione, dove ognuno prenderà un treno diverso e filmerà la propria esperienza utilizzando tecniche di videomaking che verranno insegnate durante il laboratorio
La seconda fase consiste nel rito finale del 2 agosto, nel quale verranno pubblicati gli 85 videodiari di viaggio, prima delle commemorazioni per la strage.

Come partecipare al laboratorio “A Destino”

Il Laboratorio del progetto “A Destino” si svolgerà tra giugno e luglio 2022 presso gli spazi di Bologna Attiva al Dumbo, sono previsti 8 incontri settimanali da due ore e mezza. La partecipazione è gratuita ed aperta a chiunque sopra i 6 anni, anche chi non possiede alcuna esperienza teatrale, e il viaggio verrà effettuato da chi darà la propria disponibilità a spostarsi.

La call è aperta fino a lunedì 6 giugno, per ulteriori informazioni o per aderire all’iniziativa è possibile visitare il sito https://www.bamstrategieculturali.com/2022/05/16/a-destino-partecipa/.


Articolo precedenteAborto, in Emilia-Romagna la pillola Ru486 in consultorio ancora ferma al palo
Articolo successivoA scuola di negazionismo climatico: il caso in un liceo di Grosseto