Ognuno di noi possiede dei desideri speciali, che occupano un piccolo spazio privato del nostro cuore. Si tratta di attività che vorremmo intraprendere o oggetti che ci piacerebbe acquistare, ma che non riteniamo alla nostra portata o per le quali non abbiamo il tempo necessario. Quante volte si odono le persone più disparate affermare: devo assolutamente farlo prima di morire!

Ebbene, ecco una lista di cinque cose da fare assolutamente prima di morire, che siano di ispirazione per accrescersi e provare nuove esperienze.

  • Un viaggio all’estero
    Ormai è divenuto frequente spostarsi fuori dall’Italia per una bella vacanza con famiglia o amici. Tuttavia, ci sono alcuni individui che, per motivazioni diverse che possono andare dalla paura dell’aereo al non voler spendere troppi soldi, non hanno mai intrapreso quest’avventura. In realtà, non tutti i viaggi all’estero sono costosi e possono trovarsi degli ottimi compromessi per chi odia volare. Si può viaggiare in nave, in treno, perfino in macchina…e perché no, anche a piedi! Il Cammino di Santiago di Compostela ne è l’esempio più lampante. Non ci si dovrebbe privare, nella vita, di una peregrinazione all’estero, a contatto con una cultura differente dalla nostra. Addentrandosi nei suoi usi e costumi, assaporando la sua cucina e contemplando i suoi meravigliosi paesaggi, il viaggio in un paese estero dona un sacco di emozioni e bellissimi ricordi.
  • Suonare uno strumento
    Imparare a strimpellare una chitarra o a percuotere i tamburi di una batteria non è semplice. È un percorso lungo che richiede tanta dedizione ed impegno, ma che regala grandi soddisfazioni. In molti desiderano seguire delle lezioni per apprendere come si suona uno strumento, ma in pochi decidono di intraprendere quest’attività. Ed è un peccato, perché un simile esercizio non insegna solamente a suonare, ma anche ad adoperare la pazienza, il rigore, l’ambizione che ci porta a migliorare ogni giorno di più. Inoltre, la sensazione che avvolge un musicista mentre imbraccia uno strumento è qualcosa di eccezionale, in grado di donare emozioni incredibili. Provare per credere!
  • Scrivere un libro
    Leggere fa bene all’animo, al corpo e alla mente. Distendersi sul letto e sfogliare le pagine di un bel libro, assorbendone i particolari ed addentrandosi nella trama, è un’attività apprezzata e praticata da molti. Perché non tentare noi stessi di comporre un romanzo? È una sfida, un mettersi alla prova che stimola e spinge a superare i propri limiti. Spesso, si hanno in mente storie eccezionali che, tuttavia, non si prova nemmeno a mettere su carta, anche scoraggiati dal non saper come pubblicare un libro. Non va gettata la spugna senza tentare nemmeno, a mio parere. Esistono numerosi manuali e volumi che illustrano diverse tecniche di scrittura utili allo scopo di apprendere come scrivere al meglio. In più, professionisti del settore tengono spesso dei corsi appositi da poter frequentare o addirittura seguire online. Non è un’impresa impossibile e, al giorno d’oggi, grazie ai mezzi e alle opportunità che si possiedono, scrivere il proprio romanzo è un desiderio più che realizzabile.
  • Fare volontariato
    Far del bene al prossimo è qualcosa che tutti, prima o poi, dovrebbero sperimentare. Ci sono un sacco di persone bisognose d’aiuto e troppo pochi individui che si prestano a dar loro soccorso. Eppure, dare una mano riempie il cuore di gioia sia a chi compie l’atto che a chi lo riceve. È un’occasione di crescita personale e spirituale, un’opportunità per mettersi al servizio di chi è più sfortunato. Che si tratti di volontariato in case di riposo, centri ricreativi o canili, è un’esperienza che può cambiare la vita e fare solo del bene a tutti.
  • Adottare un cucciolo
    I canili sono delle prigioni in cui cani e gatti sono costretti a passare la loro vita dietro le sbarre, venendo sì nutriti e accuditi, ma non conoscendo mai l’amore di una famiglia, la sensazione di una corsa all’aperto o le attenzioni che meriterebbero. Tanti animali invecchiano lì, nella loro cella, ricevendo carezze sporadiche, con gli occhi grandi e tristi che osservano l’esterno, quasi consapevoli che non usciranno mai da là. Adottare un cane o un gattino, soprattutto se avanti con gli anni e quindi meno desiderato, e prendersene cura sono buone azioni delle quali andare fieri. Il poter dare una vita migliore ad un piccolo amico peloso è qualcosa che tutti dovremmo fare almeno una volta, nella vita. Anche perché gli animali sono creature speciali, che donano amore incondizionato e un affetto senza precedenti. Rallegrerebbero la nostra vita e noi la loro, salvandoli dalla solitudine e dalla tristezza.

Dunque, queste sono cinque cose che ritengo siano fondamentali da fare prima di morire, in quanto esperienze di arricchimento personale e crescita interiore ma anche gesti di amore dei quali dovremmo essere più spesso artefici. Questo per vivere in armonia la propria vita sfruttando a pieno le nostre potenzialità, con l’obiettivo di essere felici.

Articolo precedenteFibroCovid: il Rizzoli svela il legame tra Covid-19 e fibromialgia
Articolo successivoGreen Pass, i focolai della protesta