Il Salento, conosciuto anche come “Tacco d’Italia”, è una subregione della Puglia che conserva un’importante cultura culinaria e un ambiente naturale unico. Bagnato a ovest del Mar Ionio e a est dal Mar Adriatico, le sue coste presentano distese di sabbia bianca, e maestose dune ricoperte di macchia mediterranea e mare incontaminato che dona colori chiari e cristallini. Esso comprende tutta la Provincia di Lecce, la maggior parte quella di Brindisi e quella di Taranto.

Salento: visitare le più belle spiagge

La costa ionica è più irregolare e ondulata di quella adriatica. La presenza di rocce calcaree evidenziano le caratteristiche di queste zone costiere, che alternandosi in fantastiche spiagge di finissima sabbia dorata e da alte scogliere, offrono al turista diverse possibilità di variare il proprio itinerario.

La litoranea del versante ionico-salentino detiene un panorama unico tra dune e spiagge più belle della costa salentina. Parte di questo meraviglioso ambiente naturale è dell’AMP Porto Cesareo, che sottolinea l’importanza di un pregio ambientale e paesaggistico che va dalla Spiaggia di Punta Prosciutto a Torre Squillace.

Ricordiamo alcune delle più belle spiagge del Salento partendo dalla Provincia di Taranto come: Campomarino, Torre Borraco, Monaco Mirante, San Pietro in Bevagna, Specchiarica e Salina dei Monaci.
Scendendo verso sud lungo la costa, le meraviglie continuano, con le spiagge di: Punta Prosciutto, Pappagallo, Quattro Gatti, Riva degli Angeli, Torre Castiglione, Torre Lapillo e Porto Cesareo.

I migliori vini della Puglia

Le panoramiche non si fermano sulle coste, al mare aperto e cristallino. L’entroterra del Salento tra suggestivi paesaggi nasconde arte, cultura e l’ottima agricoltura che ci porta alla buona tavola e al buon vino.

Questi vasti terreni fertili e intensamente coltivati da oliveti e vigneti producono ottimo olio e vino pregiato. Famosa la Città di Manduria, appunto Città dei Messapi o del Primitivo, per la produzione del Primitivo di Manduria, che negli anni si è fatto portatore di un notevole riconoscimento fuori dal territorio italiano, conquistando lo status di territorio vitivinicolo.

Notevole pregio si riconosce anche al territorio su cui sorge Cellino San Marco, ricco di storia e tradizioni di civiltà che hanno vissuto questo territorio sin dai tempi dei Messapi in avanti, lasciando tutti una propria traccia. Circondato da vaste coltivazioni di vigneti, negli anni è stato sempre più riconosciuto e menzionato nelle più importanti classifiche dei vini rossi italiani come il Selvarossa Salice Salentino delle Cantine Due Palme.

Le sagre in Salento

In questi profumi e sapori antichi del Salento, a far scoprire e rivivere la cultura culinaria del territorio sono tanti gli appuntamenti che si rinnovano anno in anno, restando fedeli alle origini e tradizioni che parlano di impegno e passione.

Durante le sagre si valorizzano gli antichi sapori con piatti tipici della gastronomia locale e delle tradizioni del Salento, attraverso mercatini degli artigiani e le attività di produzione e coltivazione della zona.

Per citarne alcune la sagra ti lu Purpu a Melendugno in Provincia di Lecce, solitamente organizzata durante i primi mesi di agosto, rende protagonista il polpo preparato in tutte le sue varianti e spezie del territorio salentino.

La sagra del Peperoncino a Torre Santa Susanna in Provincia di Brindisi, un tradizionale appuntamento enogastronomico dai sapori piccanti provenienti da tutto il mondo. L’evento ormai da anni riscuote un grande successo, dedicando anche attrazioni per grandi e piccini con il mercatino dell’artigianato, area cocktail, area Luna Park Vintage e l’area BEER Fest.

Altri importanti eventi come la “fica mandorlata”, la Festa della Municeddha di Cannole, la Festa “de lu mieru” di Carpignano Salentino, la sagra del Pasticciotto a Surano. Feste con musica e tradizioni, buon cibo, vino novello e pizzica salentina.

Escursioni in barca

Il tratto di costa ionico salentino, da Punta Prosciutto a Torre Squillace, è una Riserva Marina dello Stato che ricade nella Provincia di Lecce. L’AMP Porto Cesareo si estende per circa 32 Km di costa, conservando un meraviglioso ambiente marino e panoramiche uniche nel suo genere.
A tratti composta dalla tipica roccia calcarea del Salento e distese di sabbia bianca, questi luoghi ancora da scoprire nascondono calette e fondali ricchi di vita e bellezze marine.

Con percorsi subacquei o escursioni in barca è possibile scoprire questo meraviglioso patrimonio marino che riserva anche importanti resti del passato come le Colonne Romane, presso la località di Torre Chianca e altre piccole grotte estremamente suggestive.

La favolosa zona di Punta Prosciutto è considerata tra i tratti di mare più belli, ideale per immergersi e godersi il mare limpido e cristallino, dai fondali soffici e sabbiosi.
Altre informazioni sulle spiaggie vicino a Punta Prosciutto possiamo trovarle sul blog www.puntaprosciutto.com

Il barocco leccese

La Città di Lecce, fulcro culturale del Salento, è considerata come tra le più belle città d’arte del Meridione italiano. La sua ricchezza artistica e culturale è il simbolo del barocco leccese, tra chiese, palazzi risalenti a diverse epoche storiche e ottima ristorazione, è tra le città più apprezzate dai turisti.

La Città di Lecce con la sua eleganza e fascino architettonico, con eccellenti strutture ricettive, perfetta meta dall’eccesso stilistico, dai profumi del Mediterraneo e dalla grande bellezza.
Il barocco leccese fu il nuovo stile del seicento, in cui la dominazione spagnola si affermò su quella aragonese, manifestando una nuova arte molto più sorprendente e minuziosa.

Affermandosi sempre più, il barocco in un primo momento fu utilizzato per la realizzazione di edifici sacri e nobili, in seguito lo stile interessò anche le abitazioni private, le facciate, i balconi e i portali degli edifici, adornando l’intera città. Molti fattori contribuirono a questo tra cui la presenza di ordini religiosi della Controriforma, un periodo di pace e una stabilità politica,oltre alla forte influenza culturale spagnola.

Tra le più importanti opere del Barocco leccese troviamo: Basilica di Santa Croce, Palazzo del Governo, la scenografica piazza del Duomo e il Duomo, il Seminario, le chiese di Santa Irene, Santa Chiara, San Matteo e Chiesa del Carmine e Basilica di San Giovanni Battista.

Oltre alle bellezze architettoniche, Lecce conserva molte delizie gastronomiche tra cui il pasticciotto un delizioso tortino ovale realizzato in pasta frolla e ripieno di crema pasticcera cotto al forno, è uno dei simboli della gastronomia leccese e di tutto il Salento.

La bellezza dei trulli

L’entroterra salentino, con le sue distese di alberi di olivo secolari e campi di grano, muretti a secco e antiche costruzioni del passato regalano seducenti emozioni per chi è in cerca di tranquillità e bellezza.
Tra queste costruzioni antiche della Puglia, i trulli sono nati come vecchie abitazioni contadine, oggi adibite ad alloggi per trascorrere piacevoli vacanze. Con un aspetto di abitazioni bianche a calce o in pietra viva, il tetto realizzato a forma di cono e le mura rendono l’interno fresco, perfette per i periodi estivi.

Gallipoli e la vita notturna

La Città di Gallipoli è conosciuta non solo per il suo mare, ma anche per la movida presente in ogni suo angolo. La “bella città”, è il significato greco, affollata ormai da anni da turisti che riconosco questa fantastica città ricca di storia e divertimento.

Dalle antiche costruzioni alle serate con aperitivi e musica, la parte moderna di Gallipoli e il centro storico sono ricche di attrazioni e bellezze per giovani che hanno vasta scelta nel loro itinerario turistico.
Dalle rilassanti serate con musica e cocktail bar, l’ideale per trascorrere i pre o after dinner seduti, in compagnia di stuzzicherie mare e terra, gustando le magnifiche panoramiche della costa; alle serate della vita notturna, tra discoteche e divertimento, presso il lungomare Galileo Galilei, in cui vede protagonisti Dj internazionali che si esibiscono tutta la notte.

La cucina del Salento

Nelle ricchezze del Salento, oltre agli angoli di natura mozzafiato, rientra anche la buona cucina che rispecchia a tavola tutte le sfumature del suo territorio, con numerosi piatti tipici a base di verdura, pesce e carne.

Una tradizione che rispetta un’arte della preparazione dei cibi tramandata di generazione in generazione, che vede una cucina ricca di sapori e di odori indimenticabili.

I vari sapori della cucina salentina si declinano in mille modi diversi,dal raffinato al rustico, allo stuzzicante, e tra odori e gusti si riesce a valorizzare ed esaltare ogni suo singolo ingrediente.

La posizione geografica del Salento, consente al pesce di avere un ruolo importante nella cucina locale: in particolare il pesce azzurro è quello più amato e preparato, come anche i molluschi e crostacei, soprattutto le cozze tarantine tanto conosciute.
Anche la carne ha la sua importanza nella cucina salentina, piatto tipico sono le polpette fritte al sugo un piatto semplice da preparare, che fa riferimento ad una tradizione molto antica. Un tempo i contadini preparavano questi piatti, con prodotti coltivati nelle proprie abitazioni, come uova e pecorino. Delizie che richiedono poco tempo, usando ingredienti sani e genuini.

Nelle antiche masserie sparse nel territorio salentino non manca la buona cucina, dove si possono degustare i piatti tipici realizzati con erbe aromatiche, olio extra vergine di oliva, passata di pomodoro fatta in casa, pomodori secchi, capperi sotto sale e peperoncino secco.

Non mancano i prodotti a Km.0, come formaggi di mucca provenienti dalle fattorie, capra e pecora , carni bovine e vini come il Primitivo, il Negroamaro e il Salice Salentino.

Le lunghe giornate al mare

Essendo il territorio salentino ricco di sorprese e angoli paradisiaci da scoprire, molte volte la scelta migliore è quella di fare ricche colazioni per affrontare lunghe giornate con a disposizione un pranzo a sacco.

La ricca gastronomia del territorio offre diverse ricette facile e veloci da preparre perfette per essere consumate in spiaggia, sotto l’ombrellone. Le botteghe presenti sia nelle città come Lecce e nei piccoli paesini, mantengono in parte la tradizione gastronomica del Salento tra frise, taralli pugliesi, focacce e tanti altri prodotti.
Questa via libera di pranzare dà sfogo alla fantasia e maggior tempo di passare le giornate alla ricerca di nuovi luoghi del Salento.

Le antiche costruzioni

Le innumerevoli fortificazioni presenti nel territorio salentino manifestano un importante passato ricco di storia e bellezze architettoniche. Esplorare questi imponenti e maestosi edifici ci riporta nel passato, in cui le popolazioni del tempo manifestavano forti interessi per la conquista di questi territori.
Per tale motivo a partire dall’età messapica, ci fu la necessità di presidiare il territorio con diverse fortificazioni, rafforzate dopo il tragico eccidio preparto dal popolo turco ai danni di Otranto nel 1480.
Rivivere queste epoche segnate da massacri, saccheggi e altre forme di violenza, come degli scrigni che conservano la storia del Salento e preziosi reperti di varia tipologia.
Alcuni di essi sono: Castello di Oria, Castello Aragonese, Castello di Gallipoli, Castello di Avetrana e tanti altri.