Radio Città Fujiko»Notizie

Zulù reagisce al pestaggio cantando le Resistenze

Lo storico leader dei 99 posse vittima del branco neofascista a Velletri.


di Alessandro Canella
Categorie: Movimento
Zulu.jpg

Vittima ieri sera di un pestaggio da parte di un branco neofascista a Velletri, Zulù sarà all'Estragon questa sera per cantare il gemellaggio tra le resistenze europee e quelle sudamericane. "Sto bene, il nostro obiettivo politico non è fare a botte coi fascisti".

O' Zulù, al secolo Luca Persico, storico leader dei 99 Posse, è stato vittima ieri sera di un pestaggio a Velletri. Lui ed un fonico che lo segue nei concerti si preparavano all'esibizione, quando un branco composto da una ventina di neofascisti lo ha fermato ed assalito a colpi di cinghia.
Raggiunto ai microfoni di Radio Città Fujiko, però, Zulù racconta di stare bene: "Certo, sto un po' peggio di ieri sera - ironizza il cantante - ma l'umore è alto, l'antifascismo è vivo. Se oggi mi fossi svegliato depresso avrebbero vinto loro".

Il leader dei 99 posse, inoltre, descrive la dinamica del pestaggio, avvenuto in modo politicamente scorretto: "Non l'hanno annunciato con un volantino, queste persone agiscono sempre nell'ombra". Metodi che proprio i 99 Posse avevano descritto nel loro celebre brano 'Rigurgito antifascista'. "Sono io che gli ho dato l'idea", ironizza Zulù, che precisa che il suo obiettivo politico non è certo quello di fare a botte coi fascisti, ma di occuparsi dei problemi delle persone schiacciate dalla new economy.

Proprio su questo versante, questa sera all'Estragon, Zulù canterà insieme ad Assalti Frontali e Banda Bassotti una sorta di gemellaggio tra le resistenze europee e quelle sudamericane.
"Per me è un onore essere insieme a coloro che, ancor prima della nascita, ispirarono la mia musica e le mie idee politiche", ammette Persico.
Il concerto nasce in occasione di un raduno organizzato a sostegno di una causa politica in Ecuador.
Quanto all'attuale situazione politica, che induce molte persone a sentirsi sfiduciate e vinte, Zulù è ottimista: "Vedo tante sacche di resistenza e voglia di partecipare. Semmai occorre un po' più di collaborazione tra queste lotte e la capacità di collaborare".


Ascolta l'intervista a Zulù

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]