Radio Città Fujiko»Notizie

Unibo, Cua contro il codice etico

Contestazione in Rettorato del Collettivo Universitario Autonomo.


di Andrea Perolino
Categorie: Movimento, Istruzione
9755_778212665572120_5749516725883959039_n.jpg

Questa mattina gli attivisti del Cua hanno manifestato in Rettorato per contestare il Cda e dire no al nuovo Codice Etico dell'Università. Un regolamento che impedisce a studenti e professori di parlare male dell'Alma Mater anche sui social network e il cui mancato rispetto comporta sanzioni disciplinari. Per il collettivo "è un codice dell'ipocrisia, non si possono imbavagliare gli studenti".

Bavaglio alla bocca, gli attivisti del Cua si sono recati questa mattina in Rettorato per protestare contro il nuovo Codice Etico e contestare il Cda. La norma, inserita all'articolo 15 del regolamento, obbliga docenti, ricercatori e studenti ad evitare critiche e commenti che ledano il prestigio e l'immagine dell'Alma Mater. In particolare, la nuova disposizione fa riferimento alla comunicazione sul web e all'utilizzo dei social media.

Il mancato rispetto del Codice Etico comporterà "sanzioni disciplinari" per gli studenti, dalle ammende all'esclusione dall'Università, così come per docenti e ricercatori, che potranno incappare in "note di biasimo" o, nel peggiore dei casi, nell'"esclusione dall’assegnazione di fondi e contributi di Ateneo" o nell'interruzione del contratto.

"Non si può limitare la libertà di espressione e imbavagliare gli studenti, è impensabile che si tolga la libertà di parola riguardo la nostra Università - dice Erica del Cua - In più lo stesso Rettore ammette che ci sono grossi problemi all'interno dell'Alma Mater, per questo portiamo avanti lotte contro il caro affitti, il caro servizi e per il diritto allo studio. È un codice dell'ipocrisia, noi ci opponiamo e chiediamo l'annullamento dell'articolo 15".


Ascolta l'intervista a Erica

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]