Radio Città Fujiko

Un laboratorio autogestito sulla salute a Làbas

Il centro sociale lancia una call for activists per martedì 21 maggio.


di Alessandro Canella
Categorie: Movimento, Sanità
60331260_1531198223681478_394954884618649600_o.jpg

Làbas lancia una call for activists per dare vita ad un laboratorio autogestito sulla salute. Dall'esperienza di Mediterranea e con la collaborazione di Gruppo Prometeo, l'obiettivo è un progetto di informazione e cura di chi viene tagliato fuori dal sistema sanitario nazionale.

"La salute per noi non è solo mera assenza di malattia ma soprattutto autodeterminazione, inclusione, accoglienza e condivisione". È con questa convinzione che Làbas chiama a raccolta studenti, specializzandi, professionisti della salute per martedì 21 maggio, alle 19.30 negli spazi di vicolo Bolognetti.
L'obiettivo è dare vita ad un laboratorio autogestito che metta al centro la salute, specialmente di quanti e quante ne vengono tagliati fuori.

Gli ingredienti che hanno fatto maturare l'idea sono diversi. Da un lato l'esperienza del dormitorio sociale di Accoglienza Degna, quando ancora il centro sociale si trovava nell'ex caserma Masini, dall'altro una collaborazione, cresciuta negli spazi di vicolo Bolognetti, con il Gruppo Prometeo, composto da studentesse e studenti di Medicina. E ovviamente l'esperienza di Mediterranea Saving Humans, in cui Làbas è direttamente coinvolto. "Dopo aver salvato persone in mare - spiega Stefano di Làbas ai nostri microfoni - veniva spontaneo chiedersi come sarebbe stata la loro vita in Italia".

La legge Salvini su sicurezza e immigrazione, con gli ostacoli alla registrazione anagrafica che ha introdotto, rappresenta, se non formalmente, un ostacolo nella pratica per l'accesso ai servizi sanitari per molti richiedenti asilo.
Di qui l'idea del centro sociale di aprire un nuovo "fronte" attraverso il laboratorio autogestito.
"Procederemo per step - spiega ancora l'attivista - Prima facendo autoformazione, cioè informandoci sulle leggi e sui problemi che le persone incontrano. Poi raccoglieremo dai diretti interessati i reali bisogni, per arrivare alla fine a fare informazione ed erogare anche prestazioni".

ASCOLTA L'INTERVISTA A STEFANO:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]