Si apre la sesta edizione di To Be Jazz Festival, dal 6 all’8 settembre a Bologna. In Piazza Re Enzo, con Jesse Davis, As Madalenas, Robert Bonisolo. Alla Torinese dolci confetti Jazz e non solo. Soddisfatti, organizzatori e direttore artistico per una rassegna oramai consolidata, piccola, grande di entusiasmo e impegno. Il fine estate riscalda ancora.

“Meritiamo attenzione”, mette l’accento su queste parole Valerio Pontrandolfo, direttore artistico del To Be Jazz, e ha ragione. Programma da ulteriore conferma, di impegno, cuore e buon gusto, coerenza, dialogo fra voci di generazioni diverse e quest’anno con una bella novità.

Attenzione che il pubblico non ha mai fatto mancare, un festival interamente curato e sostenuto da Torinese 1888 e dall’associazione In Jazz We Trust, attenzione che in maniera più concreta magari ci aspettiamo anche dalle istituzioni ufficiali, per il sostegno della musica e della cultura. Bologna distratta… non deve lasciarsi scappare o trascurare queste micro/macro emozioni, importanti.

Un programma di tre serate, un contesto suggestivo, il Gigante, Palazzo Re Enzo, Piazza Maggiore, i tavolini, felsinea accoglienza e sorrisi… (mi viene da dire… finalmente!) e siamo a Bologna, va da se la musica, coerente con quel Jazz, che intendiamo Jazz, quel Mainstream Jazz, quei temi rassicuranti da Blue Note, l’Hard bop e quell’assolo che spontaneamente fa scattare l’applauso, a rischio di farci cadere l’ultima crescentina, ma del resto il Jazz è entusiasmo, e non solo. Esatto, non solo, infatti in programma troveremo una bellissima variazione sul tema (variazione fino a un certo punto), ma andiamo per gradi, si comincia:

Giovedì 6 settembre, ore 21,00: JESSE DAVIS QUARTET (Jesse Davis, Sax Alto; Nico Menci, Pianoforte; Stefano Senni, contrabbasso e Nicola Angelucci, batteria). Tecnico, ma con calore, Jesse Davis raffinato amante di uno spontaneo blues, con naturalezza dice: “Tutto quello che voglio fare è suonare buona musica”. E si sente.

Venerdì 7 settembre, ore 21,00, AS MADALENAS “Cantano Caetano”. Un tributo per la novità della stagione per la prima volta musica brasiliana al To Be in Jazz, anche se certamente l’incontro fra Bossa e Jazz ha generato cose strepitose (V. Stan Getz), quindi certo qualcosa di diverso, ma non troppo. Il duo composto dall’italiana Cristina Renzetti e la brasiliana Tati Valle, si esibirà in un concerto dedicato al grande cantautore brasiliano Caetano Veloso, in scaletta anche brani tratti dal loro primo disco “Madeleine”.

Sabato 8 settembre, ore 21,00, ROBERT BONISOLO QUARTET, gruppo guidato dal sax tenore canadese. Robert Bonisolo, Sax Tenore; Paolo Birro, Pianoforte; Luca Pisani Contrabbasso e Alberto Chiozzi; batteria.

Note importanti, anche in caso di pioggia i concerti si terranno sotto il voltone di Palazzo Re Enzo. To Be  Jazz, gran bel calore umano di qualità per chi rientra dalle ferie e ritorno di un settembre foriero di un autunno caldo in Jazz.

ASCOLTA L’INTERVISTA AL DIRETTORE ARTISTICO VALERIO PONTRANDOLFO: