Radio Città Fujiko»Notizie

Sgombero di anarchici in via Beverara e via Zampieri

Polizia e vigili del fuoco hanno sgomberato uno stabile del Comune occupato da anarchici.


di redazione
Categorie: Movimento, Casa
10589439505_0c348514be_d.jpg

Nella mattina di oggi la Digos, insieme ai vigili del fuoco, ha sgomberato un immobile abbandonato di proprietà del Comune in via Beverara, occupato da anarchici. Alcuni occupanti hanno tentato di resistere allo sgombero, uno di loro è stato ferito a una mano. Dal primissimo pomeriggio, invece, è in corso lo sgombero dello stabile Acer di via Zampieri.

Ancora uno sgombero, il secondo in pochi giorni. Si tratta di uno stabile occupato a fini abitativi da cinque mesi, in via della Beverara 126/6, da un gruppo di anarchici. Nella prima mattina di oggi la polizia, con il supporto dei vigili del fuoco, è intervenuta per sgomberare l'immobile, di proprietà del Comune, abbandonato da circa due anni. "Hanno sfondato prima una porta - ha spiegato un occupante ai nostri microfoni - e poi un muro abbattendolo a picconate".

Alcuni occupanti hanno tentato di resistere barricandosi e scaricando estintori contro polizia e vigili del fuoco, mentre all'esterno si è radunato un gruppo di solidali e abitanti del quartiere. "Abbiamo cercato di resistere rimanendo dentro, poi i pompieri con l'escalatore sono arrivati fino alle finestre e hanno iniziato a segare le grate con noi appesi ferendo un nostro compagno a una mano - fa sapere ancora l'occupante - abbiamo deciso di uscire perché non vogliamo morire per avere un tetto sopra la testa. Ci hanno minacciato di arresto e verremo denunciati per resistenza aggravata".

Lo stabile di via Beverara appartiene al Comune e si trova in stato di abbandono da circa due anni, "in seguito a uno sgombero coatto di una famiglia che abitava qua da 28 anni". Si tratta del secondo sgombero in una settimana, a pochi giorni da una nuova occupazione a opera degli anarchici di uno stabile Acer (azienda di edilizia pubblica) in via Zampieri, subito ribattezzata "Acer-chiata": "è un'occupazione contro l'Acer - dichiara l'attivista - in risposta a tutti gli sgomberi che l'azienda ha richiesto".

E proprio in quest'ultimo stabile, nel primo pomeriggio, si sono presentate le forze dell'ordine. Gli occupanti riferiscono che i muratori incaricati di sbarrare gli accessi se ne sono andati ed è in corso un presidio di solidali.


Ascolta l'intervista all'occupante

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]