Andrea Segrè, presidente di Last Minute Market, è stato nominato presidente del Comitato presidente del Comitato nazionale per la prevenzione dei rifiuti, che collaborerà col Ministero. A novembre all’Alma Mater un convegno europeo coi ministri di Austria, Francia e Gran Bretagna e i leader di Fao ed Expo.

Andrea Segrè, presidente di Last Minute Market e coordinatore del Piano nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, è stato nominato presidente del Comitato tecnico scientifico per l’implementazione e lo sviluppo del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti.
Il Comitato, che rimarrà in carica fino al 2017, ha la funzione di supportare il Ministero nella definizione delle misure attuative del Programma nei settori prioritari di intervento nella riduzione dei rifiuti.

“Questo incarico – afferma Segrè – mi consentirà di proseguire, dando maggiore impulso, nel percorso che abbiamo intrapreso con il Pinpas, e facendo seguito all’invito della Commissione Europea di affrontare il problema degli sprechi alimentari all’interno dei piani nazionali di prevenzione dei rifiuti, sviluppando così strategie nazionali di prevenzione degli sprechi alimentari”.
In vista c’è una settimana nazionale di prevenzione dei rifiuti organizzata a novembre e dedicata quest’anno proprio allo spreco alimentare, che culminerà lunedì 24 novembre con un convegno europeo che si terrà all’Università di Bologna, intitolato “Sostenibilità e prevenzione nelle perdite e negli sprechi agroalimentari nel mondo, in Europa e in Italia: dal semestre italiano a expo 2015”.

Il convegno, per Segrè, rappresenta il primo step per fare realmente sistema in Italia e in Europa sul tema dello spreco alimentare. All’incontro prenderano parte i ministri italiani di riferimento e i loro omologhi europei di Austria, Francia e Gran Bretagna, oltre ai vertici di Fao ed Expo. “Stiamo già lavorando in vista di questo appuntamento – fa sapere il professore – che troverà un momento forte di presentazione nella giornata inaugurale di Ecomondo, a Rimini, il prossimo 5 novembre”. E rilancia un obiettivo: il dimezzamento dello spreco alimentare entro il 2025.

Insieme al ministro dell’Ambiente Gianluca Galletti, Segrè lo scorso 5 giugno aveva presentato le 10 azioni prioritarie per la lotta agli sprechi alimentari, messe a punto grazie al contributo diretto e alla collaborazione degli stakeholders della filiera agroalimentare italiana. Ora si tratta di concretizzare queste misure.