Radio Città Fujiko»Notizie

Scuola, a Bologna l'assemblea per disinnescare la riforma

Il 5 e 6 settembre i comitati territoriali della Lip si riuniscono per rilanciare le iniziative contro la "Buona Scuola".


di Andrea Perolino
Categorie: Istruzione, Politica
20319480405_431767116f_o.jpg

Tra pochi giorni gli studenti italiani torneranno ad occupare i banchi delle aule, e il mondo della scuola si trova a fare i conti con la riforma appena approvata dal Parlamento. Il 5 ed il 6 settembre si svolgeranno a Bologna l’Assemblea dei comitati territoriali della Lip e l’Incontro nazionale di mobilitazione della scuola. Sul tavolo l'idea di un referendum abrogativo.

Lavorare a una nuova legge d’iniziativa popolare, in opposizione alla legge 107, che restituisca alla scuola pubblica la centralità e il ruolo che la Costituzione le assegna? Lavorare in vista di un possibile referendum abrogativo della legge 107 o di parte di essa? Immaginare e preparare iniziative di contrasto alla legge 107 alla riapertura del nuovo anno scolastico? Queste le domande cui sarà chiamato a rispondere il mondo della scuola il 5 e il 6 settembre a Bologna, quando di svolgeranno rsipettivamente l’Assemblea dei comitati territoriali della LIP (Legge di iniziativa popolare di riforma della scuola) e l’Incontro nazionale di mobilitazione della scuola.

"Sono due giorni che fanno seguito all'incontro che c'è stato a Roma il 12 luglio - fa sapere Giovanni Cocchi, insegnante ed estensore della Lip - Ci prefiggiamo di aggiornarla nelle parti in cui ha bisogno di una messa a punto con l'intenzione di aprire un dibattito per un ulteriore miglioramento e per arrivare a una raccolta firme per poterla ripresentare in Parlamento. In questa giornata (sabato 5, ndr) saranno presenti i 36 comitati territoriali presenti in tutte le regioni".

Il giorno seguente, domenica 6 settembre, l’incontro nazionale di mobilitazione della scuola si interrogherà sulla possibilità concreta di indire un referendum abrogativo della legge 107.
"Una campagna referendaria di questo tipo ha senso solo se in grado di raccogliere un ampio fronte capace di creare una mobilitazione sociale a sostegno della posizione abrogativa - sottolinea Cocchi - Il secondo argomento del giorno è invece cosa fare già da oggi nelle scuole per disarticolare questa legge che riteniamo abbia ampi profili di incostituzionalità".

Sono già numerose le realtà che hanno aderito all'incontro del 6 settembre. Oltre ai tanti comitati e gruppi locali saranno presenti tutti i sindacati rappresentativi del mondo della scuola, insieme a gruppi politici come M5S, Sel, Prc, Altra Europa con Tsipras, Azione civile, Sinistra anticapitalista. Entrambi gli incontri si terranno presso l'Università di Bologna (Scuola di Economia – Aula 3 Piazza Scaravilli) dalle ore 10.00 alle ore 18.00.


Ascolta l'intervista a Giovanni Cocchi

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]