Radio Città Fujiko»Notizie

Sans Papier in presidio strappano incontro in prefettura

Erano in piazza con i lavoratori del sociale in sciopero. Mercoledì l'incontro col prefetto.


di Alessandro Albana
Categorie: Movimento, Migranti, Casa
IMG_1883.JPG

A manifestare a fianco dei lavoratori del sociale, questa mattina c'erano anche gli ex occupanti sgomberati il 25 maggio dallo stabile ex-Dima con la Coalizione Migranti, Rifugiati e Sans Papier di Bologna. Prima si sono concentrati in piazza del Nettuno, poi sono entrati nel cortile di Palazzo d'Accursio per dirigersi, infine, alla prefettura. Il presidio in piazza IV Novembre ha ottenuto l'incontro con il prefetto per mercoledì. I Sans Papier vogliono la revoca dei decreti di espulsione temporanea per otto dei loro.

C'erano anche loro, gli invisibili, i sans papier scappati da guerra e povertà, gli occupanti sgomberati la scorsa settimana dalla ex Dima di via Emilia Levante. Con il Comitato Internazionale Sans Papier, Migranti e Rifugiati, hanno prima presidiato piazza del Nettuno e si sono poi diretti all'interno di Palazzo d'Accursio. Mentre i lavoratori del sociale in sciopero tentavano l'ingresso all'interno del palazzo - impedito da uno schieramento di polizia -, i sans papier, "fantasmi dalla pelle scura", come scrivono in volantino, urlavano la loro indignazione al municipio bolognese.

120 personne sono state mandate in mezzo ad una strada la scorsa settimana, dopo che lo stabile della ex Dima in via Emilia Levante era stato sgomberato dalle forze dell'ordine. Un ex residence in buone condizioni, persino arredato, ma in disuso e sottoposto a procedura fallimentare. L'ennesimo regalo alla speculazione che loro, fantasmi dalla pelle scura - ma anche dalla pelle chiarissima e di madrelingua italiana - si erano presi, con i loro figli, per poi doverlo abbandonare - di nuovo alla speculazione e al disuso -, appena tre giorni dopo.

Per quell'occupazione in 43 furono denunciati e otto, tutti rumeni, ricevettero il decreto di espulsione temporanea. "Due di questi - racconta Giulia dei Sans Papier - hanno ricevuto provvedimenti che li costringeranno a stare fuori dall'Italia per più di cinque anni, perchè erano stati accusati di quasi dieci reati, ma tutti relativi ad occupazioni a scopo abitativo".
I Sans Papier si sono quindi diretti verso piazza IV Novembre, dove hanno presidiato la prefettura e tentato di ottenere un incontro col prefetto. La richiesta è quella della revoca dei provvedimenti di espulsione. L'incontro, dopo un'iniziale attesa, è stato rinviato a mercoledì alle 17. Ad accompagnarlo ci saranno ancora i Sans Papier in presidio.


Ascolta l'intervista a Giulia dei Sans Papier

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]