”ratm”/

Dopo un anno di stop, il Rock in Idro approda a Bologna per la sesta edizione, con quattro date imperdibili: dal 30 maggio al 2 giugno, quattro line up diversissime tra loro, animeranno l’Arena Joe Strummer di via Stalingrado. Abbiamo intervistato Alex Fabbro, organizzatore del festival.

Il festival è prodotto dalla Hub Music Factory, agenzia di eventi da sempre attiva in ambito musicale su tutto il territorio italiano, specializzata nell’organizzazione di tour di artisti internazionali in Italia, mantiene l’obiettivo di portare le varie band a contatto con il pubblico giusto, nel posto giusto.
Nel caso specifico di Bologna, l’intento è quello di riempire uno spazio musicale che negli ultimi anni ha perso vitalità e di riportare nomi importanti sulla scena bolognese.

Le quattro giornate vedranno alternarsi generi diversi: la prima è la serata inaugurale e si apre alle 18 con l’elettronica di Fatboy Slim, per continuare con nomi emergenti, come Dimitri Vegas & Like Mike e Sydney Kebosh. Maxim dei Prodigy animerà la notte dell’Estragon con la sua leggendaria selezione musicale da backstage.

The Pogues, Ska-P, Gogol Bordello, Millencolin, Pennywise, You Me At Six, Snuff e Russkaja sono i protagonisti della seconda giornata all’insegna di punk e ska.
Si entra nel vivo dello spirito del festival il terzo giorno, che vede come headliners gli Iron Maiden per l’unica tappa italiana dell’anno. La serata continua in perfetto stile metal, con gli Alter Bridge, gli Opeth, i Black Stone Cherry, gli Hawk Eyes, gli Skillet e gli Extrema.

La chiusura delle quattro giornate è stata “affidata” a uno dei maggiori esponenti della scena alternative-rock degli ultimi anni: i Queens Of The Stone Age, reduci da un sold out al forum di Assago di Milano lo scorso 30 novembre. Li seguiranno Pixies, Biffy Clyro, Manic Street Preachers, Miles Kane e altre band degne di nota all’interno del panorama “indie-rock” come The Fratellis, We Are Scientists, Brian Jonestown Massacre.

C’è inoltre la possibilità, per chi volesse mostrare di che stoffa è fatto, di partecipare con la propria band a una delle quattro giornate, registrando una cover o remixando un brano di uno dei gruppi presenti al festival. Il videoclip più votato, sarà scelto dalla giuria e i quattro gruppi vincitori apriranno le danze della sesta edizione del festival, che da sempre dà spazio a gruppi emergenti. Di seguito trovate il link per partecipare al contest: http://www.rockinidro.com/www/2014/suona-con-la-tua-band-a-rock-in-idro/

Riguardo la reperibilità di biglietti e abbonamenti, Ticketone è il circuito a cui fare riferimento, mentre, per ulteriori informazioni sul festival, è possibile consultare direttamente il sito http://www.rockinidro.com/www/

Ascolta l’intervista ad Alex Fabbro, di Hub Music Factory, ospite a Pandemonium martedì 8 aprile.

Cristiana Moriconi