Radio Città Fujiko»Notizie

Regionali, con Spinelli decolla la campagna de "L'Altra Emilia-Romagna"

Entra nel vivo la campagna elettorare della lista nata dall'esperienza delle Europee


di Francesco Ditaranto
Categorie: Politica
Schermata-2014-11-03-alle-17.58.57-633x415.png

Dopo il sorprendente risultato delle elezioni europee, la lista "L'Altra Emilia-Romagna", diretta filiazione dell'esperienza de "L'Altra Europa con Tsipras", punta a bissare il successo di maggio, e si propone come unica, vera, alternativa allo strapotere del Pd di Renzi, rappresentato sul territorio dal candidato Bonaccini.

Era una Barbara Spinelli convinta che il governo abbia imboccato drammaticamente la strada sbagliata, quella che ieri era a Bologna, all'iniziativa elettorale, per sostenere la lista "L'Altra Emilia Romagna" alle elezioni regionali del prossimo 23 novembre, e la sua candidata presidente Cristina Quintavalla.

L'Europarlamentare, eletta a maggio nella lista "L'Altra Europa con Tsipras", dalla quale discende direttamente la lista presentata per le elezioni regionali, punta dritto contro Renzi, e parla della necessità di replicare l'esperienza europea, sui territori. "C'è bisogno di "L'Altra Emilia Romagna" -dice ai nostri microfoni Spinelli- perchè l'Europa è fatta di territori, regioni e realtà locali. Non si può cambiare soltanto il vertice. Se non cambia la base, il vertice non cambierà mai."

Riassumendo i punti principali della proposta della lista, Spinelli non ha dubbi. "Basta austerità e interventi pubblici, che puntino ad uno sviluppo diverso da quello conosciuto finora, ecologico." L'europarlamentare non trascura la politica nazionale e attacca Renzi, tendendo più di una mano al leader della Fiom Landini. Al primo rimprovera di essere il vero artefice della divisione nel paese. A Landini riconosce la giustezza delle ultime battaglie, peraltro comuni.

Più legate al territorio, le parole della candidata presidente della lista, Cristina Quintavalla. Nel ricordare che la priorità nella nostra regione, dopo la "grave gestione Errani", è il lavoro, l'ex-candidata alle europee si dice certa che il candidato democratico Bonaccini, porterebbe all'esasperazione politiche già dannose, come quelle sino ad ora messe in atto. E non risparmia un attacco agli industriali, che già hanno beneficiato troppo degli aiuti statali. In un recente documento, gli imprenditori hanno chiesto al prossimo governatore, di tener conto dell'impatto sulle imprese prima di fare ogni scelta politica. Per Quintavalla, questo documento dimostra che esiste il rischio di un totale asservimento della politica all'impresa, il che determinerebbe la totale perdita di senso delle istituzioni locali. 


Ascolta l'intervista a Barbara Spinelli e Cristina Quintavalla

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]