Radio Città Fujiko»Notizie

Peripherique, Crash porta a Bologna le periferie del mondo

L'iniziativa del Laboratorio Crash sulle periferie.


di redazione
Categorie: Movimento
Peripherique.jpg

Domani e sabato, al Laboratorio Crash, va in scena "Peripherique", una serie di incontri e approfondimenti sulle mutazioni urbane dalla prospettiva dei margini. Nel programma anche il racconto delle periferie di Napoli, Parigi e Rio De Janeiro.

Venerdì e sabato andrà in scena nello spazio del collettivo Crash!, in via di Corticella 190, il festival “Peripherique ”, dedicato alle periferie urbane, nel tentativo di dare centralità ad un tema spesso scomodo e marginale all’interno del dibattito politico.
“L’iniziativa è parte di una corrente di riflessione che al laboratorio Crash! portiamo avanti ormai da un paio di anni - spiega Niccolò ai nostri microfoni – sulle trasformazioni e le mutazioni dello spazio urbano".

In questa occasione si è deciso di partire proprio dalle zone periferiche metropolitane: “l’idea di questo appuntamento è in qualche modo di focalizzarsi sulla periferia o meglio le periferie come specifico punto di vista attraverso il quale analizzare queste mutazioni - continua l'attivista - Spesso la periferia è questo lato marginalizzato e inerte della città”, mentre lo scopo dell’evento dei prossimi giorni è proprio quello di mostrare come proprio “guardare a partire dalla periferia le trasformazioni urbane più complessive possa essere un esercizio molto più produttivo sia di critica, sia di sperimentazione politica, ma anche di produzione teorica”.

D’altra parte lo stesso spazio autogestito del Crash! si trova da anni in periferia “per scelta politica”, come afferma Niccolò, che prosegue: “Pensiamo che guardare, stare e fare politica e intervento sociale nella periferia, per la periferia, a partire dalla periferia sia una tensione decisiva oggi”. Guardandola dall’interno, infatti , “abbiamo trovato un tessuto sociale, sia associativo che informale, molto più partecipe, più vivace, molto più ricco di quel che ci aspettavamo”.
D’altra parte, la zona di corticella “non è una parte piccola di Bologna, si tratta di 60/70.000 abitanti”.

All'interno di Peripherique, sabato verranno messe a confronto varie realtà periferiche del mondo, da Napoli a Rio de Janeiro, passando per la banlieu parigina. “La sfida che lanciamo in questo dibattito - osserva l'attivista - è che ci siano una serie di tratti comuni, di linee che in qualche possano modo convergere e accomunare la dimensione della periferia, da un lato schiacciata, chiusa dalle politiche istituzionali, ma al contempo le esperienze che abbiamo chiamato a parlare a Crash! sabato sono esperienze di autorganizzazione, di altra forma di vita all’interno della periferia”.

ASCOLTA L'INTERVISTA A NICCOLÒ:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]