Radio Città Fujiko»Notizie

People Mover, Corticelli: "I nodi vengono al pettine"

I commenti dopo la chiusura dell'indagine sulla gara per il People Mover.


di Alessandro Canella
Categorie: Politica, Giustizia
people-mover.jpg

Daniele Corticelli, l'ex consigliere comunale che col proprio esposto fece partire l'indagine della Procura sulla gara per il People Mover, parla di una sconfitta per la città e sottolinea come i nodi dei "sotterfugi" da lui denunciati nel 2009 oggi stiano venendo al pettine.

Leggi anche: People Mover, chiusa l'indagine sulla gara d'appalto

"È una sconfitta per la città". In questo modo Daniele Corticelli, ex consigliere comunale guazzalochiano e leader di Bologna Capitale, commenta le vicende anche giudiziarie che riguardano il People Mover.
Fu proprio grazie ad un esposto di Corticelli che la Procura di Bologna, ormai quattro anni fa, aprì un fascicolo conoscitivo sulla gara d'appalto per la monotoraia ed oggi, dopo la comunicazione della fine delle indagini e i probabili rinvii a giudizio per abuso d'ufficio e turbativa d'asta, l'ex consigliere si dice amareggiato per non essere stato ascoltato dal Comune.

"Lo dissi allora ma sono andati avanti col paraocchi - sottolinea Corticelli - e oggi i nodi sono venuti al pettine".
Il punto, secondo il leader di Bologna Capitale, è che il progetto era sbagliato già nel 2009, dal momento che non c'era la sostenibilità dell'opera: "Io ho presentato l'esposto semplicemente dopo aver analizzato i numeri, che erano gonfiati, non c'erano abbastanza passeggeri per sostenere l'infrastruttura ed è lì che si provò a fare il sotterfugio, creando l'artificio del trasformare un investimento privato in un rischio pubblico".
Ccc, infatti, vinse la gara, ma passò ad Atc la gestione dell'opera, rimanendo semplicemente costruttore. È qui che sta il nodo che ora dovrà essere sciolto in un probabile processo.
"Il privato che ha vinto la gara facesse e gestisse l'opera con soldi suoi - ribadisce Corticelli - Perché non lo fa?".

E rispetto alle dichiarazioni del sindaco Virginio Merola, che ieri ha ribadito che il Comune proseguirà con l'analisi del Piano Finanziario, l'ex consigliere parla di "un'ottusità di chi ieri è andato avanti col paraocchi e chi oggi continua su quella strada". Il rischio concreto è che per vent'anni i cittadini debbano accollarsi i costi di un'opera fallimentare, fino a ripianare il disavanzo.
"A questo punto - conclude Corticelli - l'unica possibilità rimasta sul piatto è il Servizio Ferroviario Metropolitano".


Ascolta l'intervista a Daniele Corticelli

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]