Radio Città Fujiko»Notizie

Patrizia Moretti è cittadina di Bologna

Bologna ha conferito oggi la cittadinanza onoraria alla mamma di Federico Aldrovandi.


di redazione
Categorie: Movimento, Società
46271_136075956579063_1909993983_n.jpg

Con una cerimonia a Palazzo D'Accursio, il Comune di Bologna ha conferito la cittadinanza onoraria a Patrizia Moretti, mamma di Federico Aldrovandi. "È un riconoscimento a tutti quelli che mi sono stati vicini. Tutte le istituzioni si facciano carico dell'esigenza di giustizia dei cittadini".

Ha dovuto subire indagini che non partivano, depistaggi, calunnie sull'immagine del figlio ed offese personali. Ha affrontato con tenacia un cammino difficilissimo, quasi impossibile per chi deve affrontare il corporativismo di un organo dello Stato come le forze dell'ordine. È stata la prima a vincere un processo e stabilire una verità giudiziaria che ha abbattuto il muro di gomma dell'intoccabilità della polizia, il tutto mantenendo rispetto e fiducia verso le istituzioni. Ma soprattutto si è vista strappare alla vita un figlio senza motivo.
Sono questi i motivi per cui Patrizia Moretti si è meritata il gesto, seppur simbolico, della cittadinanza onoraria del Comune di Bologna.
Una proposta avanzata dal consigliere Pd Benedetto Zacchiroli quando Patrizia è stata fatta oggetto della provocazione del Coisp e che è stata recepita dalla maggioranza di Palazzo D'Accursio insieme al M5S.
Pdl e Lega, invece, hanno respinto fermamente l'odg, seppure in Parlamento la solidarietà alla Moretti era arrivata anche dal centrodestra.

Nell'aprire la cerimonia di conferimento della cittadinanza onararia, la presidente del Consiglio comunale, Simona Lembi, ha anticipato le motivazioni del gesto simbolico. Per Lembi è naturale per Bologna, città medaglia d'oro della Resistenza e medaglia d'oro per la reazione alla strage del 2 agosto 1980, includere nella propria storia la storia di Patrizia Moretti e della famiglia Aldrovandi.
Il sindaco Virginio Merola ha utilizzato due parole per descrivere la condotta di Patrizia: dignità e pacatezza. Il primo cittadino ha poi definito vergognosi i tentativi di depistaggio subiti già nei primi momenti dell'avvio delle indagini.
L'accento di Merola, infine, è andato sul ruolo delle forze di polizia, auspicando l'allontanamento di chi, indossando una divisa, tradisce il proprio mandato, ma ricordando anche il lavoro quotidiano e difficile della parte buona delle forze dell'ordine.

Facendo fatica a reprimere l'emozione, Patrizia ha ringraziato la città di Bologna per il gesto ed ha ringraziato tutti coloro che le sono stati accanto. "Considero questo un riconoscimento diffuso, perché non è solo per me: è sicuramente per tutte le persone che mi hanno accompagnato in questi anni, a chi ha creduto da subito che questa tragedia dovesse essere fonte di giustizia. In realtà questo è stato un movimento: questa cittadinanza va a tutto questo movimento".
Patrizia, infine, ha chiesto che le Istituzioni si facciano carico dell'esigenza di giustizia dei cittadini e li affianchino in casi come quelli di Federico, che sono durissimi da portare avanti.


Ascolta le motivazioni della cittadinanza e le parole di Patrizia Moretti

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]