Radio Città Fujiko»Notizie

No Tav: "Bombe e pallottole non ci appartengono"

Smentiti dal giornalista collegamenti con il movimento


di Francesco Ditaranto
Categorie: Movimento
Notav.jpg

Pacco-bomba recapitato alla redazione de "La Stampa". Il movimento No-Tav prende posizione contro ogni possibile speculazione, ribadendo la propria estraneità ad atti del genere. Alberto Perino spiega il momento attuale.

"Lo stesso giornalista Massimo Numa ha detto che la cosa non c'entra con i No-Tav". Esordisce così Alberto Perino, leader storico del movimento No-Tav. Quanto alle facili equazioni che spesso si fanno per colpire il movimento e ai tentativi di criminalizzazione, Perino è secco: "Non ci stupiamo più di nulla. Qui ormai il movimento No-Tav è il nemico pubblico numero uno, da indicare come capro espiatorio in Italia. Siccome qui sta affondando tutto, bisogna avere un capro espiatorio, in modo che la gente guardi il dito e non guardi la luna".

"L'Italia ha ben altri problemi. Si stanno sprecando i soldi per un'opera assolutamente inutile perchè Torino è già collegata a Lione con una linea a doppio binario elettrificata, che è stata ammodernata negli ultimi dieci anni, e sulla quale passa solo il 5% delle potenziailtà della linea" spiega Alberto Perino.

"Io credo che il Governo Italiano ormai quest'opera l'abbia assunta come simbolo di una lotta contro una popolazione e che, quindi, non vorrà mollarla, perchè questo non è più il problema di un treno, questo è il problema di uno stato contro una popolazione" conclude.


Ascolta l'intervista ad Alberto Perino, leader dei No-Tav
Tags: No Tav

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]