Radio Città Fujiko»Notizie

Una statua-provocazione dedicata a Freak al Cavaticcio

Il tributo al leader degli Skiantos scomparso nel 2014.


di Alessandro Canella
Categorie: Società
Freak_Antoni.jpg

Il 12 giugno, giorno del concerto de Lo Stato Sociale in piazza Maggiore, verrà inaugurata anche la statua dedicata a Roberto "Freak" Antoni, frontman degli Skiantos scomparso nel 2014, posata nel giardino Klemlen di via Azzo Gardino. L'opera di Daniele Rossi, voluta dall'associazione We Love Freak, raffigura un Freak "provocatorio". L'intervista ad Oderso Rubini.

Un Roberto "Freak" Antoni di marmo, seduto sul water come in una celebre foto del cantante, ma con dei propulsori che lo possono portare nello spazio. È beffarda e provocatoria, come nello stile del leader degli Skiantos, scomparso nel 2014, la statua che verrà inaugurata martedì prossimo, alle 13.30, nel giardino Klemlen di via Azzo Gardino a Bologna, al Cavaticcio.
Un ricordo simbolico che, per Oderso Rubini dell'associazione We Love Freak, non è solo un tributo a Roberto Antoni, ma tutta quella stagione di creatività bolognese, di cui Freak è stato senza dubbio il massimo interprete.

Alla cerimonia, oltre al sindaco Virginio Merola, l'assessore alla Cultura Matteo Lepore al presidente del Quartiere Lorenzo Cipriani, interverranno anche Margherita Antoni, figlia di Freak, il compagno di una vita Dandy Bestia, chitarrista degli Skiantos, e alcuni musicisti de Lo Stato Sociale, che la sera si esibiranno sul palco di piazza Maggiore.
La statua, donata da We Love Freak al Comune, nasce dalla proposta dello scultore Daniele Rossi.

ASCOLTA L'INTERVISTA A ODERSO RUBINI:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]