Radio Città Fujiko»Notizie

Non Una di Meno in piazza contro il ddl Pillon

La mobilitazione contro il provvedimento del senatore leghista.


di redazione
Categorie: Donne
image.png

Sabato 10 novembre in tutta Italia, e anche a Bologna, Non Una di Meno scende in piazza contro il ddl Pillon sulle separazioni. Il provvedimento del senatore del Family Day stravolge il diritto di famiglia creando danni ai figli e grandi ostacoli alle donne, anche per uscire dalla violenza domestica. In città appuntamento alle 15.00 in piazza Re Enzo.

Le donne tornano in piazza contro il ddl Pillon sulle separazioni. A promuovere la mobilitazione, questa volta, è la rete femminista Non Una di Meno, che domani sarà nelle piazze di molte città italiane.
È infatti prevista una mobilitazione nazionale, ma con manifestazioni territoriali, per opporsi al provvedimento del senatore leghista, tra i fondatori del Family Day, che stravolge il diritto di famiglia.

L'allarme è partito ormai un mese e mezzo fa e a lanciarlo sono state diverse realtà: dai centri antiviolenza, che hanno spiegato come sarà più difficile per le donne uscire da situazioni di maltrattamento e conquistare un'autonomia, fino alle avvocate, che hanno sottolineato anche quali conseguenze dannose possa avere il provvedimento sui bambini, costretti a dividersi a metà fra due case e a frequentare entrambi i genitori, anche se uno di questi è violento. Questi ed altri i punti del disegno di legge che vengono contestati.

Anche Bologna aderisce all'iniziativa e dà appuntamento per le 15.00 di domani in piazza Re Enzo. Qui, la Casa delle Donne per non subire violenza illustrerà le proprie attività e spiegherà la complessita dei percorsi di fuoriuscita dalla violenza e di autonomia.
Alle 17.30, poi, partirà una passeggiata transfemminista verso via Indipendenza.

"La manifestazione del 10 novembre - sottolinea ai nostri microfoni Paola di Non Una di Meno Bologna - rientra nello stato di agitazione permanente proclamato lo scorso 6 ottobre nell'assemblea nazionale proprio a Bologna e fa parte del percorso verso la manifestazione nazionale del 24 novembre a Roma e verso lo sciopero femminista globale dell’8 marzo".

ASCOLTA L'INTERVISTA A PAOLA DI NON UNA DI MENO BOLOGNA:

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]