Radio Città Fujiko»Notizie

Mondiali Antirazzisti con nuove regole "friendly" e il saluto di Balotelli

Le novità della 22^ edizione della manifestazione sportiva di Uisp.


di redazione
Categorie: Sport, Migranti
Mondiali.png

Dal 4 all'8 luglio a Bosco Albergati la 22^ edizione dei Mondiali Antirazzisti, che quest'anno introducono nuove regole in campo per abbassare lo spirito competitivo e favorire la fratellanza. Mario Balotelli manda il suo saluto in un video. Ma il clima politico si fa sentire: 20 squadre di rifugiati non partecipano perché le cooperative hanno paura di ripercussioni.

"La prima buona notizia è che anche quest'anno i Mondiali Antirazzisti si faranno. E non era scontato". Esodisce così Carlo Balestri, ideatore della manifestazione internazionale di Uisp, arrivata alla 22^ edizione, che si svolgerà dal 4 all'8 luglio a Bosco Albergati.
Non sono parole scaramantiche o di rito, perché il clima politico si fa sentire. Delle 42 squadre composte da rifugiati che hanno partecipato all'edizione 2017, infatti, una ventina quest'anno hanno dato forfait. "Alcune cooperative che gestiscono centri di accoglienza - spiega Balestri - non se la sono sentita di esporsi per paura di polemiche o ripercussioni che possano precludere loro di continuare a fare un prezioso lavoro".

Ma i Mondiali Antirazzisti non demordono né si fanno intimidire e rispondono con un video messaggio che Mario Balotelli ha inviato per salutare e sostenere moralmente la manifestazione. "L'Italia non è un Paese razzista, ma i razzisti ci sono", è una delle frasi clou dell'intervento del calciatore, che invita a non abbassare la guardia e a spendersi perché tutte le persone siano considerate uguali.
"Balotelli avrebbe voluto essere con noi - aggiunge Balestri - ma il 2 luglio in Francia comincia la preparazione atletica per la prossima stagione".

Tra le novità significative dell'edizione 2018 della manifestazione troviamo nuove regole per i tornei sportivi che hanno l'obiettivo di abbassare l'agonismo e la competizione per favorire, invece, lo scambio e la fratellanza.
Ad esempio il numero dei giocatori nelle partite di calcio a 7 sarà variabile. Se una squadra va sotto di due gol può far entrare un giocatore supplementare. Stessa cosa se subisce altre due reti, con la partita che può concludersi con 7 giocatori contro 9.
Per favorire la presenza di persone "negate" con il calcio, inoltre viene introdotta la figura del "vagante", un giocatore che avrà più libertà di azione rispetto agli altri.

I NUMERI
Sono 125 le squadre che parteciperanno ai Mondiali Antirazzisti, di cui il 62% sono miste (10% in più). 21 le squadre con migranti o rifugiati, 3 quelle che lavorano insieme a persone con disagio mentale, 1 composta da homeless, 10 da ultras, 16 che rappresentano istituzioni, ong o cooperative sociali. Le nazionalità delle squadre sono italiana, austriaca, belga, francese, tedesca, spagnola, britannica, ma ce ne sono altre 5 extraeuropee.
I giocatori, invece, provengono da 64 Paesi del mondo, distribuiti su ogni continente.
37, infine, le associazioni antirazziste che animano l'iniziativa.

ASCOLTA L'INTERVISTA A CARLO BALESTRI:


ASCOLTA L'INTERVISTA A LEONARDO PASTORE, ASSESSORE DI CASTELFRANCO EMILIA:


Ora in onda

Musica, informazione e rubriche all'ora di pranzo in compagnia di Mingo dj.

Palinsesto

Lunedì | Martedì | Mercoledì | Giovedì | Venerdì | Sabato | Domenica

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]