Radio Città Fujiko»Notizie

Migranti, la crisi tra Italia e Francia è una gara di pulpiti ipocriti

La crisi diplomatica scaturita dalle parole di Macron sull'Italia.


di redazione
Categorie: Migranti
MacronSalvini.png

Le dure critiche di Macron all'Italia hanno generato una crisi diplomatica, ma in Francia c'è chi critica il presidente per la sua ipocrisia, viste le politiche migratorie a Ventimiglia e Bardonecchia. Per contro, le mosse di Salvini sono state definite una "vergogna europea" dall'Unhcr e il ministro leghista è stato definito "cheerleader di Putin" dal liberale belga Verhofstadt, che invita a non cooperare più coi populisti. La corrispondenza di Jessy Simonini.

In qualunque direzione si guardi si potrebbe dire "da che pulpito viene la predica". Se, come ha sottolineato l'Unhcr, la gestione italiana della vicenda della nave Aquarius è "una vergogna europea", le dure critiche di cinismo e irresponsabilità arrivate ieri al nostro Paese dal presidente francese Emmanuel Macron vengono definite, anche dagli stessi francesi, come "ipocrite".
Alcuni quotidiani della sinistra d'Oltralpe, infatti, ricordano le dure politiche securitarie messe in campo da Macron, in particolare ai confini con l'Italia - Ventimiglia e Bardonecchia - e sottolineano che Macron, oltre a criticare, non ha dato la disponibilità ad aprire il porto di Marsiglia per accogliere l'Aquarius.

A raccontarci il clima che si respira in Francia, mentre da Roma il ministro Enzo Moavero avverte l'ambasciatore francese che "le accuse compromettono le relazioni" e mentre il ministro dell'Economia Giovanni Tria ha disdetto l'incontro a Parigi con il suo collega Bruno Le Maire, è Jessy Simonini, che sottolinea come le critiche a Macron arrivino anche da alcuni frondisti del suo stesso partito, En Marche.
Da destra, intanto i repubblicani continuano ad avvicinarsi al Front National di Marine Le Pen - che in questi mesi è invece in difficoltà per una scissione interna - e rilasciano dichiarazioni contro l'accoglienza.

Dal suo insediamento, Macron ha fatto capire di voler giocare un ruolo da leader in Europa e, per farlo, ha stretto un asse solido con la Germania di Angela Merkel. "Mentre sull'economia sembra in linea con la Germania - osserva Simonini - il tema dell'immigrazione potrebbe creare delle discussioni".
Il corrispondente, però, sottolinea come Macron punti ad un unanimismo formale, ma in realtà cerchi di difendere esclusivamente l'interesse nazionale francese.
Al contempo, però, le mosse di Salvini e del governo italiano vengono duramente criticate da altri media francesi.

ASCOLTA LA CORRISPONDENZA DI JESSY SIMONINI:

Ora in onda

Musica, informazione e rubriche all'ora di pranzo in compagnia di Mingo dj.

Palinsesto

Lunedì | Martedì | Mercoledì | Giovedì | Venerdì | Sabato | Domenica

Ascolta Online


realizzato da Channelweb srl  /  progetto grafico Eddy Anselmi  /  P. IVA 00954970372

Questo sito web impiega cookie tecnici e di profilazione, proseguendo nella navigazione si acconsente al loro utilizzo close[ informazioni ]